“Preghiera a San Gennaro”: quando religione e calcio diventano un’unica fede

san gennaro

A Napoli la devozione e la tradizione religiosa sono culti sentiti da tutto il popolo. San Gennaro rientra tra i Santi a cui i partenopei saranno eternamente grati ma è proprio a quest’ultimo che Napolimania ha rivolto una “preghiera” molto particolare in cui la religione si fonde con un’altra intramontabile fede: quella calcistica!

“SanGennà ‘o ssaie te voglio bbene,
pecchè pure Tu a Napule appartiene,
nuie pe’ essa ce sciuglimme
comme e quanne Te vedimme,
‘a tenimme dint’ ‘e vene
e ce spartimme gioie e pene.
SanGennà aiutace a cagnà!
Fai redimere i razzisti,
i governanti e i cammorristi…
…e si proprio nun se po’ ffa’…
allmeno ‘a “cempion lig” facce piglià!”

Spiritosa e divertente, questa “Preghiera a SanGennaro” fa venire alla memoria alcuni versi scritti da Luciano De Crescenzo in “Così parlò Bellavista”:

“San Gennà, non ti crucciare
Tu lo sai, ti voglio bene
Ma na finta ‘e Maradona
Squaglia ‘o sanghe dint”e vvene”

Un amore infinito quello per il Santo Patrono che viene spesso utilizzato per esprimere l’immensa passione per il calcio o, come in questo caso, anche quella del patrono pagano della città: Maradona.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più