San Giorgio al fianco della campagna Unicef “Bambini in pericolo”, ecco come sostenerla

Bambini in pericolo
“Ogni giorno, in ogni angolo del mondo, milioni di bambini sono in pericolo. Molti vivono in Paesi come Eritrea, Nigeria, Suadn, Siria, Iraq o Afghanistan. Paesi in conflitto, in povertà estrema, senza la protezione e le cure di cui avrebbero bisogno. Sono bambini in pericolo che non hanno scelta. Noi sì, insieme possiamo aiutarli. Comincia così l’appello presente sul sito ufficiale dell’Unicef a favore della campagna “Bambini in pericolo”. Un appello a cui l’amministrazione cittadina di San Giorgio a Cremano ha risposto prontamente schierandosi a favore dell’organizzazione umanitaria con mostre, mercatini ed sms solidali.

Già in questo periodo natalizio, infatti, numerosi sono stati gli eventi all’insegna della solidarietà tenutisi in città. In particolare, grazie al contributo dell’Istituto Comprensivo “De Filippo” – scuola amica Unicef – e alla presenza del sindaco Zinno, dell’assessore alla Scuola Michele Carbone, del presidente regionale dell’Unicef Margherita Dini Ciacci e del parroco dei Salesiani di Portici don Vincenzo Longo (referente del Laboratorio Città dei Bambini e delle Bambine, sede dell’ambasciata Unicef a San Giorgio) si è svolta ad esempio la manifestazione “Sorrisi di Natale”, che ha visto convolti tutti gli alunni dello stesso nella preparazione di diversi manufatti venduti in una mostra-mercato di beneficenza. L’intero ricavato è, infatti, stato devoluto al Comitato Regionale della Campania per l’Unicef, a favore proprio della campagna “Bambini in pericolo”.

Nono solo. Lo stesso primo cittadino in persona, Giorgio Zinno, ha infatti invitato tutti gli abitanti di San Giorgio a Cremano a partecipare alla raccolta fondi – possibile sino al 3 gennaio – anche tramite l’invio di un sms al numero 45594, oppure effettuando sempre verso lo stesso numero una chiamata da telefono fisso. Nel primo caso – a prescindere dal gestore che si adopera – si doneranno 2 euro, mentre da casa la cifra che andrà a sostenere la campagna “Bambini in pericolo” sarà di 5 euro. Il denaro così raccolto, nello specifico, servirà a garantire istruzione, protezione e assistenza a milioni di giovani che ogni giorno lottano per la propria sopravvivenza in zone sotto assedio, in quelle colpite da catastrofi naturali, tra le strade di città in degrado o nei villaggi più isolati.

In loro favore, però, non si è schierata solo la scuola “De Filippo”, ma anche gli altri istituti cittadini hanno organizzato mercatini di beneficenza. Lo scopo principale per tutti è stato quello di sensibilizzare gli allievi alla solidarietà tramite percorsi educativi che hanno coinvolto insegnanti, alunni e genitori nelle diverse fasi di realizzazione degli eventi “che – ha tenuto a ribadire il sindaco Zinno – hanno offerto ai nostri ragazzi spazi di espressione, in risposta al loro bisogno e al loro diritto di partecipazione attiva nella scuola e nella società“. Proprio i diritti che mira a garantire l’Unicef con la campagna “Bambini in pericolo”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più