Video. Ecco com’era la festa del Monacone del Rione Sanità

san vincenzo ferreri monacone sanità“Il figlio di Rachelina era stato vestito da fraticello domenicano ed insieme ad una ventina di altri bambini “miracolati” era in attesa davanti alla chiesa di S. Maria alla Sanità. Un gelato a testa, ed alcune mazzate distribuite ad intervalli regolari dalle rispettive madri, diminuivano la mistica del momento e della santità dei piccoli frati. All’arrivo del Santo, in una enorme confusione di folla, i bambini furono sollevati a braccia dalle mamme e tra applausi, grida e pianti di ringraziamento offrirono ognuno una candela a S. Vincenzo, ricevendone in cambio una benedizione e uno scapolare.”

Così, Luciano De Crescenzo, descriveva l’antica “Festa del Monacone” in “Così parlò Bellavista”. Una manifestazione religiosa, almeno in principio, dove l’effige di San Vincenzo Ferreri veniva portata in processione per Napoli fra le preghiere ed i festeggiamenti dei fedeli. Col tempo, poi, alla cerimonia liturgica si aggiunse una rassegna canora dove intervenivano i maggiori artisti italiani in presenza di celebrità del calibro di Totò ed Eduardo. Un’evoluzione che, sempre De Crescenzo, ci descrive con una nota di amarezza: “Oggi purtroppo la manifestazione ha subito una involuzione consumistica: l’interesse maggiore si è spostato in gran parte su un festival canoro di piazza al quale partecipano tutti i big della canzone italiana “gentilmente pregati” ad intervenire dai mammasantissima del quartiere.”

Oggi la tradizione si è estinta, sia quella mondana del festival, sia quella sacra della processione, nonostante in molti, ogni anno, lottino per riportarla agli antichi splendori. Un video pubblicato dal canale YouTube “Icampol” mostra foto e video d’epoca sulla grandezza ed importanza della storica celebrazione del “Monacone”.

[youtube width=”100%” height=”360″]https://www.youtube.com/watch?v=F3NKIawlVlY[/youtube]

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più