Napoli, aggredito al centro storico: “Picchiato a sangue senza motivo. Sono deluso”

pestato

È stato aggredito nella notte tra il 5 e il 6 gennaio mentre stava raggiungendo la sua auto parcheggiata nella zona del vecchio Policlinico. Giovanni M., 36 anni, era ritornato nella sua città di origine dopo aver trascorso diversi anni in altre parti dell’Italia e del mondo, peccato che il suo ritorno è stato davvero catastrofico. 

Secondo quanto pubblicato da Viviana Lanza su IlMattino.it, Giovanni è stato improvvisamente raggiunto da tre giovani su uno scooter, che lo hanno picchiato a sangue senza alcun motivo: “Erano più o meno le 4 e mezza del mattino. Ero due passi avanti la mia compagna e un’amica, tornavamo da una festa di compleanno in un locale a piazzetta Nilo. Ci stavamo dirigendo verso la macchina quando all’improvviso sono sbucati tre su uno scooter. Ricordo solo che quello al centro indossava un giubbotto rosso, l’altro passeggero un bomber beige. Si sono avvicinati a me e mi hanno colpito con un oggetto, non so quale, ma mi ha aperto la testa. É stato un attimo. Grondavo sangue, ho cercato di difendermi ma ero da solo contro quei tre. Mi hanno assalito senza dire una parola, senza un perché. Se avessero voluto farmi una rapina avrebbero dovuto chiedermi qualcosa, invece niente. Si sono accaniti su di me e non so spiegarmelo. Non li avevo mai visti prima”.

Un’aggressione inspiegabile e senza alcun movente che ha scosso il 36enne, deluso e amareggiato di aver trovato nella sua Napoli tanta violenza gratuita: “Non penso che uscirò più fino a tarda notte. Vivere un’esperienza del genere in prima persona ti fa capire quanto reale sia il problema. Ora quelle zone del centro che ho sempre frequentato mi fanno paura. Per ora sono amareggiato e molto deluso”.

Un episodio che, oltre allo sconforto, ha causato venti punti di sutura sul volto dello sfortunato, che si è più volte chiesto se ne è valsa la pena tornare.

Potrebbe anche interessarti