Bimbo lanciato dal balcone, arriva l’attesa notizia: madre in manette, lui invece…

Ospedale Santobono

Possono finalmente tirare un sospiro di sollievo i parenti del bimbo di soli 11 mesi che otto giorni fa, ad Ottaviano, fu gettato giù dal balcone (l’abitazione era quella della zia), i medici infatti lo hanno dichiarato fuori pericolo. Chissà se tra questi ci sarà anche la madre, dato che fu proprio lei a rendersi protagonista di questo inspiegabile gesto, che le è costato il carcere e soprattutto la perdita del proprio figlio, che ora sarà affidato ad una casa famiglia, in attesa dell’affidamento a nuovi genitori.

Il neonato, dopo l’accaduto, era stato ricoverato presso l’ospedale Santobono di Napoli, dove il personale che lo ha avuto in cura aveva riscontrato una frattura alla clavicola e un trauma cranico. Otto giorni di prognosi, però, sono stati più che sufficienti al bimbo per rimettersi in forma e tornare pienamente alla vita, anche se non sarà come quella di prima.

Il giudice del tribunale dei minori ha, infatti, disposto che Angelo Pio – questo il nome del bambino – sia affidato ad una casa famiglia del comune di Ottaviano stesso. Vi dovrebbe rimanere, comunque, solo alcuni mesi, probabilmente fino a marzo. Proprio per questo periodo è stata disposta l’udienza, che dovrebbe togliere ufficialmente la patria potestà ai suoi genitori, nell’attesa che possa essere dato in affidamento ad una nuova famiglia.

La madre, invece – come riportato dal portale IlMattino.it -, già dal 20 gennaio è stata arrestata dai carabinieri di Ottaviano con l’accusa di tentato omicidio. Inizialmente, però, è stata ricoverata in un centro di igiene mentale per i suoi grossi disturbi psichici, che già in passato le avevano provocato la sottrazione dei due figli avuti col primo marito. Adesso, comunque, la donna è stata introdotta nel carcere femminile di Pozzuoli, in attesa di una condanna definitiva, presumibilmente molto lunga, vista l’accusa molto grave ai suoi danni.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più