Napoli. Sequestrati quintali di prodotti non a norma. Ecco dove

?

Nuova operazione della Polizia Municipale per la repressione degli ambulanti irregolari e della commercializzazione di prodotti contraffatti.

A seguito dell’operato degli Agenti della U.O. T.E.S.M., in Corso Novara si è riusciti a sgomberare il mercatino di merce e chincaglieria prelevati dai rifiuti gestito da soggetti rom, ponendo in sequestro ed avviando alla
distruzione diversi quintali di materiale. Per l’ulteriore consolidamento del risultato ottenuto, alcuni Agenti presidiano tuttora il sito.

I controlli sono proseguiti lungo il Corso Meridionale e nella Zona Industriale dove le ispezioni a carico delle rivendite all’ingrosso, gestite nella gran parte dei casi da cittadini cinesi, hanno portato al sequestro di circa 250 pezzi di materiale elettrico (phon, borse d’acqua calda, tester, ecc.) privi dei requisiti di sicurezza previsti dal D. Lgs. 791/1977 nonché del marchio CEE e dei dati di importazione ed all’irrogazione di sanzioni per un importo totale di euro 4500,00.

Inoltre, a tutela dei minori sono stati anche controllate le rivendite di materiale scolastico ubicate nella zona di Poggioreale, all’interno delle quali è stata riscontrata la presenza di oggetti destinati alla didattica per minori di 14 anni quali pennarelli, astucci e paste per modellare tutti privi di marchio CEE e delle informazioni relative all’importazione come previsto dal D. Lgs. 54/2011.

I responsabili delle violazioni sono stati sanzionati per un importo di 3000,00 euro mentre la merce, dopo le opportune verifiche, sarà avviata a distruzione in quanto potenzialmente pericolosa per l’uso umano.
Nel Centro Storico, lungo la Via Duomo, gli Agenti della U.O. TESM hanno posto in sequestro penale centinaia di occhiali, 56 borse e numerosi accessori contraffatti e riportanti i marchi delle più prestigiose griffes
di moda mentre in Piazza Garibaldi è stato verbalizzato un ambulante di etnia africana che deteneva per la vendita, senza essere in possesso dell’autorizzazione prevista dalla Legge Regionale n. 1/2014, merce varia quali borselli,
cappelli, oggetti di artigianato in legno quali statuette e strumenti musicali etnici per un totale di circa 800 pezzi.

La merce è stata posta in sequestro amministrativo e l’ambulante è stato sanzionato con un’ammenda di 5000,00 euro. I controlli proseguiranno ad oltranza nel prossimo periodo maggiormente interessato dall’afflusso di turisti in città.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più