Napoli. Chirurghi robot in arrivo in quattro ospedali partenopei

robot

Napoli – Una vera è propria rivoluzione tecnologica sta per investire il settore sanitario di Napoli. Le ultime tecnologie hanno favorito sviluppi incredibili nella robotica, al punto che, oggi, una macchina riesce a compiere azioni professionali come cucinare una pizza, giocare a scacchi e, perchè no, anche operare una persona. In realtà non si tratta di una semplice prova tecnica: le operazioni assistite dall’utilizzo di macchine “intelligenti”, sperimentate negli ospedali più avanzati al mondo, hanno maggiori probabilità di riuscita ed un margine di errore ridottissimo.

Il neonato “Gruppo Robotico inter-ospedaliero” di Napoli ha come obiettivo quello di rendere funzionanti queste particolari macchine nelle quattro strutture ospedaliere più importanti della città: la Federico II, il Cardarelli, il Monaldi ed il Pascale. Testa di ponte di questa ambiziosa iniziativa è il centro di Biotecnologia del Cardarelli, già incredibilmente avanzato sotto questo aspetto, sotto il coordinamento del chirurgo Guido De Sena, primario dell’ospedale.

“Il gruppo è stato creato non solo per migliorare l’assistenza, ma anche per promuovere formazione e ricerca in chirurgia robotica – spiega De Sena nell’articolo di Repubblica – E proprio per la ricerca il riferimento sarà il progetto Icaros, sviluppato in collaborazione con la facoltà di Ingegneria, mentre per la formazione pre-clinica entra in campo il nostro centro di Biotecnologie. Il target didattico è rivolto agli specializzandi e ai chirurghi esperti che intendono fare training sul sistema robotico”

Il progetto renderà, quindi, Napoli un polo d’attrazione per pazienti che hanno bisogno di procedure assistite e studenti di ogni parte d’Europa che vorranno beneficiare di un’adeguata istruzione robotica. Il bacino di utenza è vastissimo: non solo l’area dell’Italia Meridionale, ma tutte le zone del Mediterranee convergeranno nel capoluogo campano per le tecnologie e la formazione offerte dai quattro innovativi ospedali.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più