Rinasce Magic World: hotel, terme e arena concerti. Ecco quando aprirà

Magic WorldIl fallimento sembra essere ormai acqua passata per il più famoso parco acquatico della Campania, pronto a rituffarsi in un nuovo corso guidato da Vincenzo Schiavo, capo della cordata internazionale che ha acquisito la struttura tramite vendita all’incanto. Ampliamento delle giostre, costruzione di terme, arena per concerti e aree ristoro d’eccellenza i punti nodali del suo progetto per far risorgere il Magic World dalle ceneri di una gestione rivelatasi fallimentare.

Dieci milioni di euro tondi tondi, questa la cifra necessaria affinché dalle parole si passi ai fatti, ma l’imprenditore napoletano – presidente della Confesercenti di Napoli e Campania, nonché console onorario della Federazione Russa nella città partenopea – ha trovato il modo di coinvolgere nel progetto fondi e personalità russe, inglesi e italiane, che si sono imposte l’obiettivo triennale di ridare nuova vita al Magic World. Una vita non più solo estiva, poiché il piano di sviluppo prevede – come riportato da IlMeridianoNews.it – il miglioramento del parco di intrattenimento tematico, tramite l’implementazione e la messa in funzionamento delle giostre, con interscambi con altri parchi italiani; lo sviluppo dell’area ristoro con il ricorso all’esperienza delle eccellenze campane del settore e l’implementazione del parco acquatico e della zona in cui si ospita il circo.

Non solo, perché la nuova proprietà del Magic World, la Partenope Investment srl – accaparratasi la struttura il 16 agosto scorso – punterà forte su tre nuove strutture e idee per rendere il parco divertimenti il migliore del centro-sud: la presenza di un albergo in grado di ospitare i visitatori dell’area napoletana e flegrea, la costruzione di un’area termale e quella di un’arena per concerti, capaci di animare il parco durante tutto l’anno.

Il nostro obiettivo – ha affermato Schiavo – è di sviluppare un’azienda con il massimo delle competenze, diventando un’impresa modello per tutto il Sud Italia. In questo senso il nuovo Magic World saprà sfatare il mito che nel Meridione l’economia non funziona, saprà rigettare il luogo comune secondo cui la presenza della camorra e la lentezza della burocrazia rendono impossibile ogni iniziativa imprenditoriale. In questo caso non è stato così e non ci saranno problemi se si mettono insieme le eccellenze delle imprese campane e italiane con il sostegno della politica“.

Proprio a proposito di quest’ultimo punto “l’idea – continua Schiavo – è quella di contattare, cosa in parte già avvenuta, varie eccellenze della nostra regione, nella ristorazione, ma anche per altri settori, affidandoci unicamente a professionisti con i quali punteremo a rendere il Magic World una struttura di grande qualità, che possa dare anche lavoro ad almeno 500 lavoratori“.

La nuova apertura dovrebbe già avvenire sul finire del 2016, per poi entrare a pieno regime nell’estate del 2017, in attesa che gli investimenti annunciati rendino il Magic World un polo d’attrazione davvero invidiabile.

Potrebbe anche interessarti