Video. Notte di violenza al Vasto: immigrati aggrediscono carabinieri

Napoli – Nuova escalation di violenza nel quartiere del Vasto dove stanotte un gruppo di immigrati, impegnati nel “mercatino della monnezza” in Piazza Principe Umberto, ha circondato e aggredito alcuni carabinieri che volevano smantellare la vendita di prodotti recuperati dalla spazzatura.

A denunciare l’accaduto è il Comitato Orgoglio Vasto. La situazione sembra ormai insostenibile, si denuncia una vera e propria emergenza anche perchè mancano azione concrete atte a fermare queste attività criminali spesso messe in atto da immigrati pilotati dai clan della camorra locali.

“Uno dei Carabinieri è rimasto addirittura ferito e ha dovuto ricorrere alle cure dei sanitari arrivati sul posto con un’ambulanza insieme a decine, tra poliziotti, Carabinieri e Finanzieri giunti ad aiutare i militari dell’arma che rischiavano di avere la peggio” hanno aggiunto il consigliere Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli de La Radiazza per i quali “quello che è successo ieri è una conseguenza del clima di illegalità che si respira nelle aree adiacenti la stazione centrale”.

“È necessario anche un controllo continuo di tutta l’area per smantellare i mercati della monnezza e il commercio di droghe che sono spesso alla base di risse violente che costringono i residenti a restare chiusi in casa e terrorizzano i turisti che alloggiano negli alberghi e nei bed e breakfast della zona”.

“Al momento nessuno ascolta le nostre richieste e il Vasto sta diventando un ghetto dove si continuano ad aprire abusivamente attività commerciali e di servizio e centri di accoglienza che, nei fatti, concentrano qui gran parte degli immigrati di Napoli” ha aggiunto Alfonso Di Napoli, uno dei responsabili del Comitato Orgoglio Vasto per il quale “è assurdo lasciare in queste condizioni quella che è una delle porte d’accesso alla città per i turisti che arrivano a Napoli”.

IL VIDEO:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più