Diciotti, la Ue risponde a Di Maio: “Le minacce non portano da nessuna parte”

 

02/06/2013 Roma, trasmissione televisiva In 1/2 ora, nella foto Roberto Fico M5S

“Se l’Unione europea si ostina con questo atteggiamento, se domani dalla riunione della Commissione europea non esce nulla e non decidono nulla sulla nave Diciotti e sulla redistribuzione dei migranti, io e tutto il MoVimento 5 Stelle non siamo più disposti a dare 20 miliardi all’ Unione europea. Sono state queste le parole del Vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, sulla nave Diciotti. A seguito di queste minacce non poteva mancare la risposta della Ue.

“Le minacce in Europa non portano da nessuna parte. Il modo in cui l’Europa funziona è la cooperazione e non le minacce. La commissione sta lavorando duro per trovare una soluzione”. Parole dure arrivate dal portavoce della Commissione europea. Come sappiamo da diversi giorni la nave Diciotti è attraccata a una banchina del porto di Catania con più di cento migranti a bordo a cui non viene consentito di sbarcare.

La situazione è surreale. Circa 150 persone sono bloccate sulla nave in attesa di un segnale che arrivi dalle autorità competenti. Tanti si sono espressi a favore dello sbarco della nave Diciotti: dal presidente della Camera, Roberto Fico, al sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Ad essere sbarcati dalla nave, per il momento, soltanto i minori mentre tutti gli altri sono ancora in attesa del verdetto finale.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più