Video. Luca papà di Alba racconta: “Rifiutata da più di 20 famiglie perché down”

La storia di Luca, ragazzo gay e papà di una bambina Down ha fatto il giro della cronaca nazionale, facendo commuovere tutti per la sua scelta coraggiosa e dettata da un amore profondo e unico. Alba è una bambina, che come vi abbiamo già raccontato, è affetta dalla sindrome di Down. Una malattia che fa ancora tanta paura ai genitori, al punto tale che la piccola è stata abbandonata subito dopo il parto dalla mamma naturale. Per la piccola si prospettava una vita di abbandono, dato che era stata già rifiutata da tante famiglie.

Ma per fortuna Alba ha incontrato Luca, che da 17 mesi si prende cura di lei.

Le Iene, programma di Mesiaset, hanno fatto visita a Luca, per capire come sia possibile che un genitore single abbia potuto adottare un bambino, dato che la legge italiana è molto severa al riguardo e impone non solo che l’adozione venga fatta da un nucleo familiare completo ma richiede severi criteri oltre che ad un iter d’adozione quasi sempre molto lungo. Così Luca ha spiegato a Nina, giornalista de “Le Iene” come ha potuto realizzare questo che per lui era un sogno.

Infatti il giovane papà gay rientrava tra coloro che possono richiedere l’adozione speciale, riservata a bambini con particolari disabilità o gravi problemi che se non riescono ad essere adottati da nessuna famiglia, anche un single ne può richiedere l’adozione. E così nel gennaio 2017 nel giorno del suo compleanno Luca si è fatto un regalo e richiede l’adozione di un bambino disabile. E a luglio 2017 arriva Alba, quella bambina rifiutata non da sole 7 coppie ma da più di venti famiglie.

Luca era convinto e fiero di questa scelta, anche perché lui non ha paura della disabilità, essendo da sempre promotore di tante iniziative per queste persone sfortunate e fondatore di diverse associazione umanitarie e solidali.

Per vedere il servizio de “Le Iene” clicca qui

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più