Di Maio, controlli nel terreno del padre. La gente lo difende: “Orgoglio nazionale”

Nuove verifiche per Antonio Di Maio, padre del vicepremier Luigi. Due agenti della Polizia municipale di Mariglianella, infatti, nella mattinata di oggi, si sono presentati in un terreno di proprietà, al 50%, del padre del ministro del Lavoro. Durante gli accertamenti gli agenti hanno verificato se i tre manufatti rinvenuti, all’interno del suddetto appezzamento di terra, siano o meno abusivi. Insieme alla Polizia municipale sono arrivati anche due tecnici di parte.

Il padre di Di Maio ha mandato due suoi rappresentanti, non rispondendo alla convocazione. Non sono mancati momenti di tensione, con alcuni residenti della zona che si sarebbero scagliati contro i giornalisti accorsi sul posto. “Di Maio è l’orgoglio della nostra nazione“, riporta l’Ansa. I controlli sono partiti, planimetrie alla mano, da un’area nella quale è stato rinvenuto anche un campo di calcio. Il padre di Di Maio è stato recentemente oggetto di un’inchiesta de Le Iene che ha raccolto la testimonianza di un ex dipendente edile “a nero”.

Potrebbe anche interessarti