La colomba più buona d’Italia si fa a Pompei: medaglia d’oro a Francesco Lastra

La colomba più buona d’Italia si fa nel Napoletano, precisamente a Pompei. Viene dalla città degli Scavi Francesco Lastra, che ha ricevuto la medaglia d’oro per la sua colomba aromatizzata al mandarino. È l’ennesimo premio che spetta a pasticcieri provenienti dal nostro territorio: vale la pena ricordare Giuseppe Mascolo, da Visciano, che è stato nominato ambasciatore del panettone, oppure i ragazzi di Ercolano premiati “pasticcieri del futuro”.

È il verdetto che arriva dal concorso “I Migliori Dolci d’Italia”,tenuto alla Fiera del Tirreno CT a Marina di Carrara, promosso e organizzato dalla Federazione Internazionale Pasticceria, Gelateria e Cioccolateria (FIPGC). I migliori dolci d’Italia sono quelli che attingono al territorio valorizzando le eccellenze locali.

A partecipare alla competizione circa 80 concorrenti da tutta Italia, nell’arco di quattro giorni. L’obiettivo era quello di conquistare la giuria realizzando dei dolci che avessero un forte legame con il territorio, recuperando anche tipicità dimenticate. Tradizione da affiancare però all’innovazione, creando a volte delle vere e proprie d’arte.

Oltre a Francesco Leva, si segnala anche il premio pralina che è andato a Maria Spadola, di Matera. Premio Monoporzione a Giovanni Mattina, imolese, che, grazie a un gioco di strutture colori e forme su una base al biscotto, ha creato un dolce molto apprezzato dall’intera giuria. Infine il Premio Gelato è andato a Letizia Gyergyi da Rimini che ha proposto un intreccio tra basilico e gelato classico.

Potrebbe anche interessarti