Immigrazione. DeMa: “Salvini e Di Maio diffondono il veleno dell’odio”

Il Sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, è tornato a parlare di immigrazione ed accoglienza. Tutti ricordano infatti le sue posizioni in merito alle questioni di questo tipo e le sue azioni, in ultimo il suo supporto al Capitano della nave Sea Watch, Carola Rackete.

Questa volta però De Magistris c’è andato giù pesante contro i principali membri del Governo giallo-verde. Rammentiamo che le dichiarazioni in questione sono state rilasciate dal sindaco a termine della cena con i quattro rifugiati ospitati a Napoli, grazie al lavoro di varie associazioni cittadine.

Ci troviamo dinanzi ad un vero e proprio scontro di civiltà – dice il sindaco – C‘è chi come Salvini e Di Maio, che inculca nella gente il veleno dell’odio. Ma c’è anche chi sceglie di trascorrere un pezzo della sua giornata con quattro persone, di origine siriano-libanese. Tra loro, vi sono anche due bambini che abbiamo salvato grazie al progetto Napoli Città Rifugio, uno dei tanti corridoi umanitari che si occupano di queste problematiche.”

Noi ci scheriamo in favore dell’accoglienza e dell’amore, non scegliamo la strada dello scontro e dell’odio. Siamo dalla parte di chi crede nel rispetto di certi valori etici e umanitari prima ancora che delle istituzioni”. Poi alla domanda su chi sia il reale responsabile di questa politica d’odio verso l’immigrazione, Luigi De Magistris risponde: “Non è che io metta tutti allo stesso livello. Io invece credo che il grande responsabile politico-istituzionale sia soprattutto Di Maio. Matteo Salvini non agirebbe così, se non avesse come spin doctor Luigi Di Maio“.

Il problema dellimmigrazione sembra quindi non risolversi. Tutti sembrano avere le idee chiare, ma ricordiamo che la politica non è solo chiacchere. Quelle chiacchere incidono sulla vita di molte persone, in diversi casi anche di soggetti deboli. Si spera che ben presto le chiacchere si tramutino in azioni concrete. 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più