Irregolarità al concorso per infermieri al Cardarelli: il Tar dà ragione ai ricorrenti

Cardarelli

NAPOLI – Importante novità relativa al concorso per 20 infermieri indetto dal Cardarelli lo scorso 16 e 17 maggio. Il Tar dà ragione ai ricorrenti: alcuni quesiti della prova concorsuale erano sbagliati.

Il ricorso, coordinato da Francesco Leone e Simona Fell dello studio legale Leone-Fell ha, ha confermato l’irregolarità della prova, che non ha rispettato le regole poste dalla legge a garanzia di un regolare concorso pubblico.

Dopo il noto scandalo di alcuni candidati che sono riusciti a scambiarsi informazioni sulla prova ricevendole direttamente da alcuni componenti della commissione esaminatrice, arriva un’ulteriore beffa. La giustizia amministrativa, infatti, ha confermato i sospetti segnalati da decine di partecipanti alla prova concorsuale: alcune domande erano sbagliate.

Duro il commento di Francesco Emilio Borrelli consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità: «Restiamo basiti dinanzi alla pronuncia del Tar che dà ragione ai ricorrenti, assistiti dallo Studio Legale Leone-Fell, circa le domande del concorso per la selezione di 20 infermieri all’ospedale Cardarelli. Secondo la giustizia amministrativa i quesiti erano errati e non erano atti a determinare la selezione in maniera meritocratica. E’ assurdo che avvenga un fatto del genere in un concorso pubblico. Ci chiediamo come abbia fatto la commissione chiamata a redigere le domande a sbagliare. Tenendo conto che i concorsi rappresentano un costo consistente per le amministrazioni siamo di fronte ad un errore non scusabile».

Potrebbe anche interessarti