Autopsia su Simon, turista morto in Cilento: “Rimasto in vita per 45 minuti”

Sapri – Simon Gautier sarebbe morto in seguito ad uno choc emorragico per la rottura dell’arteria femorale. E’ emerso dall’autopsia sul corpo del turista francese eseguita oggi nell’ospedale di Sapri, in provincia di Salerno. Il giovane si era perso durante un’escursione in Cilento ed era caduto.

Sono state riscontrate fratture esposte e composte ad entrambi gli arti inferiori ed il laceramento di tessuti. L’emorragia avrebbe avuto origine dalla gamba sinistra che presentava rotture dei principali vasi. Gautier, dal momento della caduta, sarebbe rimasto in vita al massimo per 45 minuti. L’autopsia conferma, dunque, quelli che erano stati i primi referti.

Il turista, nonostante la sua telefonata in cui chiedeva aiuto immediatamente dopo la caduta, è stato ritrovato soltanto 10 giorni dopo la morte. Uno scandalo internazionale che getta ombre e responsabilità sui soccorsi locali. Se il ragazzo fosse stato rintracciato tempestivamente, entro quei tragici 45 minuti, sarebbe ancora vivo. Sono in corso indagini per omicidio colposo nei confronti dei responsabili di una simile mancanza.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più