Record di incassi per Zalone: 8,7 milioni in un giorno per Tolo Tolo

Checco Zalone ha battuto se stesso. Tolo Tolo, già nel primo giorno dell’uscita nelle sale italiane, ha sfiorato gli 8,7 milioni di euro, diventando così il film con il maggior incasso di sempre nella storia del cinema italiano nelle prime 24 ore di programmazione e battendo il precedente record di Quo Vado (che all’epoca incassò 7,3 milioni).

Tolo Tolo è il quinto film di Checco Zalone, prodotto dalla Taodue, distribuito da Medusa e diretto per la prima volta dallo stesso Zalone.

L’incasso del film è stato precisamente di 8.680.232 euro, con oltre 1.175.000 presenze.

“Checco Zalone ha riunito gli italiani dentro le sale cinematografiche” afferma Pietro Valsecchi, produttore del film ad Ansa.it, poi ha aggiunto:

LEGGI ANCHE
Robinù, il film di Santoro oggi al cinema: l'elenco delle sale in Campania

“Un risultato incredibile che mi rende ancora più felice perché premia l’opera prima di Checco come regista, una scommessa vinta non solo per gli incassi ma anche per la riuscita del film, che ha saputo divertire ed emozionare grandi e piccoli al di là di ogni divisione ideologica. Il nuovo decennio inizia bene per il cinema italiano grazie a questa iniezione di fiducia e di incassi che ricadono su tutto il sistema cinematografico”.

Il film narra le vicende di Checco che inizialmente rifiuta il reddito di cittadinanza e apre un ristorante giapponese “Murgia & Sushi” ma fallisce miserabilmente perchè travolto da debiti e tasse. Dunque si ritrova a fare i conti con i creditori. Decide così di scappare e rifugiarsi in Africa dove trova lavoro come cameriere in un villaggio turistico del Kenya. Anche lì però la situazione cambia e assiste allo scoppio di una guerra civile. Decide così di tornare in Italia, ma non può farlo perché i creditori sono pronti a dargli la caccia. Si ritrova così a scappare ritrovandosi nella stessa situazione dei migranti, dato che non vogliono aiutarlo neanche i suoi familiari.

LEGGI ANCHE
Napoli, staff medico da record: divario impressionante con le altre big. I numeri

Potrebbe anche interessarti