Salvini al citofono, da Napoli una parodia geniale: “Fratè nun ce servene ‘e cd”

L’ormai tristemente noto blitz di Salvini al citofono ha scatenato non solo diverse polemiche, ma anche la fantasia del web. Di fronte a un tentativo così misero di propaganda elettorale, gli italiani hanno risposto nel modo migliore: con l’ironia. Così sono nati diversi meme sul leader del Caroccio. Da Napoli arriva la parodia di Hillary Sedu, che ci mostra un Salvini al videocitofono in un fotomontaggio a dir poco esilarante.

La foto mostra il faccione sorridente di Matteo Salvini sullo schermo del videocitofono. La risposta del padrone di casa è ben chiara: “Fratè nun ce servene ‘e cd. Una frase che di solito viene rivolta ai venditori ambulanti, molti dei quali, ironia della sorte, sono proprio immigrati. Ma in questo caso, l’affermazione sembra molto più appropriata alla triste trovata pubblicitaria di Matteo Salvini.

Non è un caso che a pubblicare questo post sia proprio un avvocato di origini nigeriane. Hlillary Sedu, come molti dei suoi connazionali, è stato costretto a lasciare il suo paese per sfuggire alla fame. Arrivato in Italia insieme alla madre si è sentito subito fiero di essere diventato parte della nostra realtà.

Con il tempo, Hillary si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza e ha ottenuto la laurea brillantemente nel 2013, La cultura è stata la sua rivalsa: l’anno scorso è stato eletto nel comitato pari opportunità del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli.La mia è una battaglia“, ha affermato Hillary Sedu. “È la cultura che deve permettere a un immigrato, anche se ha la pelle di colore diverso, di diventare italiano. Non un Governo…”.

Al giorno d’oggi, questo brillante avvocato di 33 anni è uno dei più grandi sostenitori dello Ius Culturae, che prevede la cittadinanza per gli immigrati che completano gli studi. Va da sé che Hillary Sedu non poteva non intervenire sulla vicenda di Salvini. La sua ironia è l’arma più tagliente ed efficace in una lotta che vede coinvolto tutto il paese, e che è ben lungi dall’essere conclusa.

Potrebbe anche interessarti