Napoli, delicata rimozione di un tumore polmonare andata a buon fine

Operazione, Federico II
Foto di repertorio

Si è registrato a Napoli, su una paziente di 65 anni, il successo di un intervento molto delicato. Secondo quanto riporta fanpage.it, è stato rimosso chirurgicamente un tumore polmonare invasivo all’aorta.

I membri dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Toracica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” e le Unità Operative di Cardiochirurgia e Chirurgia dei Grandi Vasi dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II” hanno collaborato in questo intervento su una paziente di 65 anni.

Si è trattato di un intervento chirurgico multidisciplinare per la rimozione di un tumore infiltrato nell’aorta toracica e nei vasi polmonari della donna. Un’operazione sicuramente delicata, ma con esito più che positivo.

Intervenendo in questo modo, infatti, si sono evitate maggiori complicazioni, dal momento che non è stato necessario asportare l’intero polmone evitando così di compromettere l’intera sua funzionalità cardio-respiratoria.
La donna veniva da un passato di due cicli di chemioterapia che erano stati necessari al fine di ridurre la sua neoplasia, raggiungendo l’obiettivo.

Il problema si riscontrava nella parte discendente dell’aorta toracica e ai vasi polmonari, in cui il tumore persisteva.
Si è deciso, dunque, di intervenire chirurgicamente, collocando nell’aorta toracica discendente una protesi endovascolare che avrebbe consentito la completa asportazione della neoplasia dall’aorta toracica.

Si è proceduto, quindi, con l’asportazione del lobo inferiore del polmone sinistro, dove era localizzata la neoplasia.
L’operazione molto delicata ha tenuto tutti col fiato sospeso ma il suo esito finale ha sciolto ogni tensione.
Un team di professionisti si è unito per dare un’opzione di vita migliore alla donna di 65 anni.

Così, grazie all’intervento multidisciplinare del team di Cardiochirurgia composto dal professor Gabriele Iannelli e dal professore Luigi Di Tommaso, e quello di chirurghi toracici, composto dal professore Mario Santini ed il professor Alfonso Fiorelli, l’obiettivo è stato raggiunto. L’operazione appare perfettamente riuscita, con il tumore polmonare rimosso e la paziente che ora attende il normale decorso clinico.

Potrebbe anche interessarti