De Luca: “In Campania non più del 7% in rianimazione. Tra un paio di mesi ne usciremo”

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è intervento ai microfoni di Radio Kiss Kiss sulle ultime decisioni del governo e sulle misure messe in campo dalla Regione Campania

Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come si previene

Siamo di fronte ad un problema serio ma non dobbiamo farci prendere dal panico. – ha dichiarato – Ad oggi ci sono 125 contagi in Campania e 1500 sono i concittadini in isolamento domiciliare“.

Fra quelli contagiati la metà è asintomatica, – continua – senza grandi problemi respiratori. La metà è a casa, tra quelli con le patologie gravi il 40% sta nei reparti normali, non più del 7% in rianimazione“.

Ci siamo organizzati come se avessimo 3000 contagiati,  – ha continuato – stiamo lavorando a nuove assunzioni tra i medici e alle tecnologie. Abbiamo difficoltà agli approvvigionamenti. Quando avremo dei numeri certi sulle persone rientrate dalle zone rosse lo diremo, è difficile perché ci sono persone che sono entrati con le proprie auto, tutti hanno l’obbligo di comunicarlo e mettersi in quarantena per 2 settimane“.

Un appello a non agitarsi nei supermercati. – dice De Luca – Come visto nel decreto sono esclusi i negozi di alimentari“.

I fondi messi dal Governo saranno elargiti credo a tutto il Paese. – dichiara – La ricaduta è uguale per tutti. Pensiamo alle nostre isole la quantità di disdette è uguale alla zona rossa“.

Credo che tra un paio di mesi usciremo dall’emergenza, ha concluso.

Potrebbe anche interessarti