I dirigenti dell’Anm donano il 10% dei loro stipendi al Fondo aziendale per la cassa integrazione

anmI dirigenti di Anm hanno deciso di operare un taglio del 10% del loro stipendio di marzo e aprile, per contribuire al Fondo con cui l’azienda integrerà lo stipendio dei dipendenti che sono in cassa integrazione. Così i dirigenti hanno annunciato la loro decisione durante l’emergenza Covid-19:

“Noi dirigenti di ANM, consapevoli del grave stato di crisi che sta investendo il mondo produttivo e mettendo in enorme difficoltà la prosecuzione ordinaria della vita di ognuno e delle prestazioni lavorative, stiamo compiendo ogni sforzo per affrontare queste circostanze complesse e ignote, in termini professionali ed umani, con l’obiettivo di essere punto di riferimento per chi opera sul campo e nelle strutture di supporto.

“Naturalmente siamo altrettanto coscienti che non è finita qui ed altre sollecitazioni e scossoni bisognerà affrontare prima di rivedere un ritorno alla normalità, ma noi ci siamo. In questo “esserci”, abbiamo ritenuto di dover dare un segno materiale e tangibile, nella attuale fase aziendale, con una proposta, su base volontaria, di riduzione delle nostre retribuzioni del 10% per i mesi di adesione al Fondo di Solidarietà dei lavoratori dell’Anm.

“Non è la soluzione a nessuno degli enormi problemi che stiamo vivendo, ma intendiamo manifestare la nostra partecipazione alla difficile fase aziendale”. Le somme che i dirigenti hanno volontariamente tagliato dal loro stipendio verranno inserite nel fondo che Anm ha costituito per integrare la busta paga dei dipendenti che andranno in cassa integrazione. All’iniziativa dei dirigenti di Anm ha aderito anche l’Amministratore Unico Nicola Pascale.

Le parole dell’assessore ai trasporti del Comune di Napoli Enrico Panini: “La decisione dei dirigenti di Anm e dell’Amministrato Unico di ridurre volontariamente la loro retribuzione in questo momento di grandissima difficoltà è un fatto rilevante. Ringrazio ognuno di loro perché la solidarietà nei momenti di difficoltà vale doppio”.

La decisione è sottolineata anche dall’amministratore Unico di Napoli Holding Amedeo Manzo: “In un momento molto duro e soprattutto incerto per gli effetti del post Covid-19 è bello sapere che un’azienda è fatta da persone che conoscono il senso della solidarietà e dell’inclusione. Questa è l’unica strada per la ripresa”.

Potrebbe anche interessarti