Zaia replica a De Luca: “Chiudere le frontiere? E’ sud contro nord. Faccia tamponi come noi”

È una prima forma di autonomia, il Sud ha deciso di sposare il nostro progetto autonomista, lo dico come battuta. Voglio fare una appello: finitela di dire Nord contro sud, se il sud dice di chiudere le frontiere è Sud contro Nord“. Così il governatore del Veneto Luca Zaia ha parlato ieri durante la conferenza stampa quotidiana.

Mettevi nei panni di un cittadino che sale in treno – ha continuato – vuol dire che tutti i treni saranno soppressi, che tutti i treni che escono dai confini regionali non hanno più senso. Ma che proposta è, come fanno a mettere in piedi queste misure? Noi abbiamo sempre ospitato e accettato tutti, non ho mai fatto un’ordinanza per mandare via la gente dalle seconde case”.

Sulle dichiarazioni di De Luca ho due considerazioni – ha detto il governatore veneto nel corso della diretta Facebook della conferenza stampa alla Protezione civile di Marghera (Ve), dopo la minaccia del governatore della Campania di chiudere i confinipenso che tutti i veneti che vanno in Campania in vacanza non siano tanto contenti, il che vuol dire che non sta facendo un servizio alla sua regione. Il secondo aspetto è che parlare dei grandi contagi del nord… Io direi che bisogna settare il numero dei contagiati con il numero dei tamponi. Sarebbe bello vedere il numero dei tamponi fatto da ogni regione, anche dalla Campania, e vedere i contagi, così avremmo tot numero di tamponi per contagiati, altrimenti non sono elementi di confronto se non abbiamo i tamponi. Come si fa a dire il Veneto ha tanti contagiati. Tu non ce li hai perché non hai fatto tanti tamponi e non li trovi o non ce li hai perché non hai fatto i tamponi? Lo dico in generale, non per De Luca, lo dico per tutti!“.

Potrebbe anche interessarti