Covid-19, parte da Sarno la nuova ricerca del prof. Ascierto: si cerca la predisposizione genetica della popolazione

ricerca Ascierto

Partirà dalla città di Sarno una nuova ricerca del Prof. Ascierto per cercare di individuare in anticipo i soggetti che potrebbero essere più facilmente predisposti a contrarre il coronavirus. Lo annuncia il sindaco Giuseppe Canfora spiegando l’importanza di questo protocollo d’intesa firmato con la Fondazione “Melanoma” del professor Paolo Ascierto.

Le linee principali riguardano la promozione della ricerca clinica, la realizzazione di programmi e progetti finalizzati ad accrescere il benessere della comunità, l’avvio di percorsi di prevenzioni in tutti i settori della medicina in particolare immunologica, oncologica e virologica.

Come spiegato dal primo cittadino:

“E’ un atto importante avviare forme di collaborazione istituzionale finalizzata a promuovere iniziative nei settori di reciproca competenza, a sensibilizzare l’opinione pubblica sul significato della prevenzione in tutti i settori della medicina, in particolare immunologica, oncologica e virologica. E’ una iniziativa volta ad avviare una ricerca relativa alla presenza nel profilo genetico della popolazione di Sarno del recettore ACE2, al quale si lega il #SARSCov2, al fine di discriminare la sintomatologia dei pazienti e predire il grado di insorgenza dell’infezione da Covid-19. Il nostro Comune è sempre aperto ad ogni iniziativa che possa garantire un vantaggio per i propri cittadini e per la collettività in genere. Per noi è fondamentale promuovere lo sviluppo e la crescita del nostro territorio, tutelandone e rappresentandone gli interessi. Per questo motivo abbiamo deciso di stipulare un protocollo d’intesa con la Fondazione “Melanoma” del professor Ascierto, soprattutto nella fase di emergenza sanitaria che stiamo vivendo a causa della diffusione globale del coronavirus”.

Si sta infatti studiando come il virus entri nel corpo e quale sia la reazione del sistema immunitario. Sia questo coronavirus SARS-CoV-2 che quello del 2003, per diffondersi utilizzano lo stesso recettore, l’ACE2 (enzima di conversione dell angiotensina-2) per infettare le cellule. L’ ACE2 è uno degli enzimi centrali nel sistema renina-angiotensina (RAS) che regola la pressione arteriosa, i liquidi, l’equilibrio elettrolitico e le resistenze vascolari sistemiche. Il recettore Ace2 si trova principalmente sulle cellule del sistema respiratorio umano ed è ad oggi, la principale porta d’ingresso individuata dagli scienziati per la diffusione del covid-19. Per questo ora la Fondazione di Ascierto con questa ricerca analizzerà la predisposizione genetica degli abitanti di Sarno.

Potrebbe anche interessarti