Coronavirus, trasformare il Cotugno in centro di ricerca per le malattie infettive: la petizione

Dare all’ospedale Cotugno il giusto riconoscimento per quanto svolto durante l’emergenza Covid-19. E’ l’obiettivo della petizione lanciata dal consigliere regionale del Partito Democratico, Antonio Marciano, sulla piattaforma change.org per fare dell’Ospedale Cotugno di Napoli un centro di ricerca nazionale per le malattie infettive e promuoverlo in Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Il Cotugno – afferma il consigliere – è uno dei centri di eccellenza della nostra sanità campana. Da sempre, l’ospedale partenopeo, rappresenta nel mondo scientifico, un riferimento per la cura delle malattie infettive. Durante questa lunga battaglia al Covid-19, come è accaduto in passato per le altre epidemie, il Cotugno è stato non solo la prima linea ma il modello mondiale di organizzazione ed efficienza“.

Fare del Cotugno, – continua – oggi ospedale di riferimento in Italia e nel mondo, un centro di ricerca di malattie infettive che possa guidare progetti nazionali ed internazionali, è un obiettivo che in questa fase diventa non solo una possibilità ma un’esigenza”.

Anche il maestro Enzo Avitabile condivide la petizione di Marciano per il Cotugno: Vorrei far sentire con questo video la mia vicinanza a tutti gli operatori sanitari dell’ospedale Cotugno, come senso di gratitudine per tutto quanto hanno fatto e continueranno a fare – ha scritto sui social – Vi voglio bene e sono orgoglioso di voi. Invito la mia città ad amarsi e stimarsi di più“.

La petizione per l’Ospedale Cotugno sta diventando sempre di più una grande iniziativa di popolo. Grazie al maestro Enzo Avitabile, grande storica voce di Napoli“, afferma il consigliere.

avitabile

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più