Elezioni Regionali Campania: il Pm Catello Maresca ha annunciato la sua candidatura

Catello MarescaIl Pm antimafia Catello Maresca ha dichiarato la sua candidatura alle prossime elezioni regionali, ma non farà parte di alcun partito.

Ancora tanti i dubbi attorno alla data delle prossime elezioni regionali in Campania rinviate precedentemente a causa del Coronavirus. Le date più papabili sono quelle di settembre ed ottobre.

Intanto però si iniziano ad intravedere i personaggi che domineranno la scena. Sicuramente sarà presente l’attuale presidente Vincenzo De Luca. A sfidarlo, il PM Catello Maresca.

Il PM ha diretto le operazioni che hanno portato nel 2011 all’arresto del boss dell’organizzazione camorristica del clan dei casalesi Michele Zagaria. Fu scovato all’interno di un bunker di cemento armato, costruito sotto un’abitazione di Casapesenna, dopo una latitanza di sedici anni.

Percorso simile a quello di Luigi de Magistris che da PM si ritrovò in politica fino a diventare Sindaco di Napoli.

Queste le parole di Catello Maresca, riportate da il mattino: “Devo constatare con grande soddisfazione che attorno alla mia persona si sta formando una imponente mobilitazione civile. Ho provato, senza successo, a ringraziare uno a uno tutti coloro che mi hanno espresso vicinanza e che mi spingono a rappresentarli in un nuovo diverso concetto di politica.

Una idea fondata non solo sulla competenza, ma sulla concreta dimostrazione di capacità operativa, professionalità ed efficacia. Il modello, l’unico modello che mi piace rappresentare, è quello in cui lo Stato vince sempre.

Devo però con amarezza ancora constatare come ci siano state troppe fughe in avanti, tentativi di mettere il cappello su un’operazione che fino ad oggi è solo della società civile. Tali atteggiamenti non hanno mai fatto parte del mio modo di pensare, né tantomeno rappresentano un buon inizio rispetto a una mia personale e convinta idea di politica assolutamente diversa. Con la gente e per la gente.

Una cosa deve essere chiara a tutti: non sarò mai il candidato di nessun partito. La mia storia di magistrato antimafia e la mia onestà intellettuale lo esigono prima di ogni altra cosa. In tal senso non sono disponibile ad accettare in alcun modo strumentalizzazioni o speculazioni sul mio nome.”

Potrebbe anche interessarti