Un mese fa la morte di Pasquale Apicella: un ritratto e una poesia per omaggiarlo

apicella ritratto

Esattamente un mese fa veniva a mancare Pasquale Apicella. Il poliziotto è morto a Calata Capodichino mentre era a bordo della sua volante e inseguiva dei ladri. Una notizia che ha scosso le forze dell’ordine e ha lasciato senza più un padre due bambini.

Tante le iniziative in suo ricordo provenienti da tutta Italia e anche dall’estero. La Polizia di Stato lo ha voluto omaggiare con un disegno realizzato da un collega americano.

“Un mese fa l’agente scelto Pasquale Apicella moriva inseguendo 4 criminali. Durante questo tempo in tanti avete dimostrato il vostro affetto ai suoi familiari e alla Polizia di Stato. Tanti piccoli gesti giunti anche da lontano, come questo ritratto realizzato dal poliziotto americano e disegnatore Jonny Castro Art, che testimonia l’orgoglio di Pasquale nel giorno del giuramento”

Il Poliziotto americano, celebre per i suoi ‘ritratti di valore’, scrive di Pasquale:

“Lunedì sera un gruppo di uomini ha tentato di rubare un bancomat alla Banca di credito agricolo di Napoli, Italia. Quando il furto non ha avuto successo, i sospetti sono scappati dalla scena. L’agente di polizia italiano Pasquale Apicella e il suo partner rispondevano all’allarme quando il veicolo dei sospettati si è scontrato con l’auto di pattuglia ad alta velocità. L’impatto dell’incidente è stato così violento che parte del motore della volante è stato buttato completamente fuori dall’auto. Pasquale è stato estratto dal suo veicolo ma non è sopravvissuto. L’agente Pasquale Apicella ha servito la polizia di Stato dal 2014 ed è stato assegnato alla stazione di Secondigliano. Lascia una moglie e due figli piccoli. Pasquale aveva appena festeggiato il suo 37 esimo compleanno due settimane fa”. 

Ma in onore di Pasquale Apicella è stata realizzata anche una poesia in napoletano. Il testo è stato postato su Facebook da Re Del Pasquale, guardia zoofila del nucleo operativo di Napoli:

Poesia per l’agente scelto Apicella Lino:

“DDOJE RIGHE PPE’TE’ RICERE
NU GRAZIE E VERO CUORE
A TE CA E CHESTA PATRIA
SI STAT SERVITORE
L’È FATT CON IMPEGNO
È CHEST TE FA ONORE
N’GOPPA A NA VOLANTE
SENZA ESITAZIONE
CURRIV OGNI MUMENTO
PPE’ TUTTE E SITUAZIONI …
MA NU NEMICO ABBIETTO
CU TANTA N’FAMITA’
T’HA FATTO NU RISPETTO
CA NUN SE PO’SANA’
NU GESTO CRIMINALE
SENZA UMANITÀ
CA SUL N’ASSASSINO
TE’ PUTEVA FA.’E..
MENTRE NU MARE E LACREME
SCENNE CU’DULORE
TU..PIGLIA STA VOLANTE
E CURR” ADDO’ SIGNORE
ADDO’T’ASPETTA
GRAZIA , PACE, E ONORE”.

Tutti modi per mantenere in vita il suo ricordo.

Potrebbe anche interessarti