Mondragone, la Regione chiarisce i dati: 43 positivi su 727 tamponi. Da domani test su base volontaria

mondragone tamponi

La Regione Campania chiarisce alcuni dati relativi all’aggiornamento sul coronavirus presente nel territorio. Oggi come comunicato nel bollettino pomeridiano, sono 17 i nuovi casi. L’unità di Crisi specifica che sono 43 non 45 i casi fino ad ora risultati positivi a Mondragone, in provincia di Caserta.

Questo il comunicato:

“I dati forniti quotidianamente, come sempre avvenuto fino ad oggi, si riferiscono alle comunicazioni alle 22 del giorno precedente. Per quanto riguarda l’emergenza Mondragone, si comunica che alle ore 18 del 25 giugno i tamponi esaminati da inizio screening (sabato 20 giugno) sono stati 727. Quelli risultati positivi sono 43“.

Inoltre il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, annuncia da domani tamponi a tutti i residenti di Mondragone su base volontaria. In attesa dell’arrivo dell’esercito.

“Dopo il colloquio con il ministro Lamorgese di questa mattina, oggi sono stato a Mondragone dove ho incontrato i responsabili dell’ordine pubblico per fare il punto e organizzare controlli rigorosi che stasera potranno già contare sull’arrivo di un contingente di militari e sul potenziamento dei servizi disposti da Prefettura e Questura. Nel vertice sono state affrontate le questioni dell’ordine pubblico e sul piano sanitario; con Asl e Istituto Zooprofilattico abbiamo stabilito che già da domani mattina nell’area contigua alla zona rossa dei cinque palazzi ex Cirio, ci saranno i camper che consentiranno ai cittadini di Mondragone di sottoporsi a tampone su base volontaria.

I dati raccolti dallo screening saranno utili per ogni eventuale ulteriore decisione dell’Unità di Crisi della Regione. Al momento resta l’obbligo di quarantena per tutti quanti vivono nei palazzo ex Cirio. E per questo è indispensabile che venga rigorosamente rispettata l’ordinanza, con il contributo determinante delle forze dell’ordine cui si aggiungeranno anche i militari. Ovviamente al di là di ogni altra considerazione, come ormai ripetiamo dall’inizio del mese di giugno, ora più di prima è fondamentale il senso di responsabilità di ciascun cittadino. Risolveremo anche questa emergenza”. 

 

Potrebbe anche interessarti