Napoli. Scene di violenza ai baretti: urla, coltelli e droga tra i giovani

Foto di repertorio

Napoli. Quartiere Chiaia. Ennesimo episodio di violenza tra giovanissimi nella nottata di giovedì. Urla, schiamazzi e rumori di bottiglie rotte, via vai di motorini che corrono hanno svegliato i residenti della zona alle 4.

Secondo quanto riporta Il Mattino, alcuni gruppetti di giovani avrebbero litigato violentemente per chissà quale motivo, in questi casi i motivi sono di solito i più banali.

Ci troviamo precisamente in Vicoletto Belle Donne, all’improvviso all’esterno di un bar alcuni tipi iniziano a litigare, calci, pugni, qualcuno estrae i coltelli. Degrado allo stato puro quello di cui sono vittime i gestori dei locali, che si sono prontamente barricati dentro, e non da ultimi, quelli che lì ci abitano.

Anche questa mattina abbiamo terminato il nostro riposo alle quattro del mattino. Siamo stati svegliati di soprassalto per le urla e ci siamo affacciati. Abbiamo assistito a scene di violenza, al termine di una rissa. Abbiamo visto persone che scappavano a piedi o in sella agli scooter, poi abbiamo assistito al ritorno di altre persone sul posto, sempre con fare minaccioso. Si erano affrontati, urlavano, si aizzavano gli uni contro gli altri, brandivano coltelli”. Queste le parole di un residente del quartiere dette a Il Mattino.

“È vergognoso” prosegue. Si proprio così, è una vergogna. Scene del genere nemmeno nei film, la cosa tremendamente triste è che avvengono tra ragazzi giovanissimi. “Quasi” bambini maneggiano armi pericolose che possono creare conseguenze disastrose per loro e per gli altri.

Altro problema da non sottovalutare è che questi ragazzini fanno regolarmente uso di droghe, persone che abitano lì vicino, raccontano di averli visti usare stupefacenti come se nulla fosse.

Assurdo pensare di vivere così, assurdo pensare che i nostri figli possano rischiare ogni qual volta escono di casa di imbattersi in personaggi simili.

Potrebbe anche interessarti