De Luca: “Un miliardo di investimenti ci hanno consentito di evitare tragedie, presto un boom economico”

De Luca democrazia

De Luca in conferenza stampa ha parlato anche delle misure economiche della Campania, uniche in Italia. Queste le sue parole:

“Voglio un boom economico della Campania. Dovete avere fiducia, stiamo completando e arricchendo il piano socio-economico, tra qualche giorno pubblicheremo una tabella su tutte le misure prese da tutte le regioni d’Italia. Quello che ha fatto la Campania non è stato fatto neanche lontanamente fatto da nessuna altra regione. Siamo oltre a un miliardo di investimenti che ci hanno consentito di evitare tragedie. Le ultime misure: credito alle imprese che fanno investimenti, diamo un contributo a fondo perduto del 35%, anticipiamo come Regione per tre mesi anche il credito che è stato richiesto alle imprese alle banche, noi copriamo il tempo e paghiamo gli interessi sul credito ricevuto. Abbiamo pubblicato un bando per dare contributi alle imprese del turismo. Ci sono realtà turistiche molto proiettate verso i paesi esteri che sono in difficoltà. Quelle più rivolte a quello campano stanno vivendo una condizione di presenze straordinarie a cominciare da tutto il Cilento dove vi è il tutto esaurito da due mesi. Dobbiamo dare una mano a chi è in difficoltà. Ieri sono stato in Costiera Sorrentina, abbiamo attivato i depuratori arriva qualcosa a volte dalle navi che sversano a mare, siamo valutando a quale società di progettazione affidare l’ospedale (65 milioni di euro), stiamo finanziando opere stradali, l’obiettivo è raddoppiare la linea dell’Eav da Napoli a Sorrento. Siamo dando incentivi ai lavoratori stagionali del turismo. Con l’ultimo bando si possono fare domande dal 20 al 31 luglio da 2 mila euro per gli hotel a due stelle e 7 mila per quelli a 4 stelle; per villaggi turistici da 2 mila euro; alle agenzie di viaggio, guide, accompagnatori, agli stabilimenti balneari, gestori parchi di divertimento, attività fabbricazione e commercio articoli pirotecnici, ludoteche e attività fotografiche. Uno sforzo gigantesco, unico in Italia per reggere su due piani, aiuto alle famiglie e piano sanitario”. 

De Luca ha in mente un progetto preciso per il rilancio del turismo campano:

“Per il turismo stiamo facendo campagna per promuoverlo. Abbiamo come modello la Baviera, è possibile fare decollare anche in ambito regionale un sistema economico regionale con caratteristiche proprie. Bisogna fare investimenti e far decollare un’intera regione. Stiamo aprendo cantieri, uno degli obiettivi è risolvere la grandi questioni ambientali storicamente gravanti sulla Campania. La prossima settimana presenteremo il piano completo di rimozione delle ecoballe. A Benevento abbiamo presentato un progetto di potenziamento della diga del campo lattaro. Abbiamo potenziato il depuratore Cuma e stiamo lavorando per altri 4. Abbiamo un miliardo e 300 milioni di euro da investire per gli ospedali da Salerno a Pozzuoli, un rinnovamento delle strutture ospedaliere. Dobbiamo operare una sburocratizzazione radicale della nostra Regione, abbiamo iniziato lunedì scorso con le pratiche del genio civile con digitalizzazione totale. Riforma della giustizia, codice degli appalti, qualcosa deve essere preso rapidamente come i pareri ambientali per il drenaggio della sabbia in un porto. Noi lavoreremo per una defiscalizzazione totale e detassazione degli utili d’impresa (modello Olanda), create lavoro e poi arricchitevi. Siamo alla vigilia di un miracolo economico campano. L’economia e il lavoro, la condizione di ricchezza che serve a distribuirla”.

Dopo aver parlato del piano socio-economico della Campania e della situazione del coronavirus, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha parlato anche di un argomento caldo: la scuola. Come più volte sottolineato, il governatore si è detto contro l’idea delle elezioni regionali a settembre.

“Abbiamo dovuto aprire le scuole il 14 settembre, è stato nominato commissario Arcuri che si impegna a dare i test sierologici e le forniture scolastiche a tutti. Nell’ambito di questo rilancio alla vita e all’economia abbiamo messo in piedi un programma di iniziative culturali che sono eccezionali. Abbiamo presentato il programma di ‘Un’estate da Re a Caserta’ per valorizzare la Reggia e la zona, Riccardo Muti a Paestum (che sarà trasmesso il 23 luglio sulle reti Rai), avremo ‘Campania Lirica’ per dare respiro al Teatro San Carlo, faremo iniziative in tutta la Regione cominciando da Piazza del Plebiscito. Parte il Festival di Ravello, è in atto il Napoli Teatro festival, il Giffoni Film Festival che fa 50 anni, quello della letteratura a Salerno. Finanziamo tante iniziative anche in un momento difficile. Sicurezza sanitaria e controllo ossessivo per non perdere la sicurezza. Piano socio-economico, lavoriamo per un miracolo economico campano per creare lavoro. Cultura, teatro, musica, danza, l’anima della Campania, l’anima di Napoli, di una civiltà che ha rappresentato uno dei fuochi della cultura e dell’umanesimo in Occidente. Stateci vicino e accompagnateci col senso di responsabilità e con la prudenza, non vi chiediamo altro”.

Potrebbe anche interessarti