Coronavirus, responsabile Pronto Soccorso del Cotugno: “Aumentano i casi gravi tra i giovani”

Coronavirus Cotugno Cimitile

NAPOLIAumentano i casi di contagio al coronavirus tra i giovani. A dichiararlo è il responsabile del Pronto Soccorso dell’Ospedale Cotugno, il dottor Nicola Maturo che in un’intervista a Fanpage ha confermato che i casi gravi non interessano più gli anziani, bensì le persone comprese tra i 30 e i 55 anni.

«I ricoveri sono aumentati», ha dichiarato il dottor Maturo, «stiamo rivedendo situazioni alle quali avevamo assistito nel mese di marzo, come severità di patologia e come quadri radiologici. Ma soprattutto mentre a marzo erano soggetti anziani, tra virgolette, questi che stiamo vedendo adesso sono molto più giovani». La fascia d’età, infatti, sta via via abbassandosi «variando dai 30 anni ai 55-60».

Tra le cause dell’aumento dei contagi tra i più giovani, il dottor Maturo ha sottolineato la sottovalutazione del problema da parte della comunità tutta: «Il virus continua a circolare e c’è poca attenzione da parte della gente comune ma anche delle autorità che devono fare i controlli, forse, e quindi purtroppo la gente continua a infettarsi».

«Forse gli anziani hanno più paura, rispetto ai giovani – ha dichiarato e sono più attenti. Basta fare un giro per Napoli. Purtroppo la gente pare che si sia dimenticata tutto. Non ha più paura». L’unico modo per evitare il contagio è continuare ad adottare le pratiche che abbiamo imparato a conoscere sin dall’inizio della pandemia, ovvero: «Usare la mascherina e lavarsi le mani il più spesso possibile. Ed evitare raduni eccessivi e promiscuità, come feste e banchetti senza mascherina».

Al momento sono 15 i ricoverati all’Ospedale Cotugno per positività al coronavirus. Di questi, tre casi sono gravi. L’aumento dei casi ha portato, lo scorso giovedì, alla riapertura del reparto di rianimazione.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più