Carabiniere pestato a Castellammare. Il branco confessa: “Non avevamo capito chi fosse, chiediamo scusa”

Branco Castellammare

Il branco di Castellammare che ha aggredito ferocemente l’appuntato Ballarò ha confessato tutto ciò che è accaduto nella notte tra l’1 ed il 2 agosto. L’ultimo del gruppo si è costituito durante la giornata di martedì scorso.

Calci, pugni, casco in pieno volto e un tavolino di ferro da bar utilizzato come arma per ferirlo. Questo è quanto avvenuto al carabiniere in borghese intento a filmare una rissa scoppiata a Castellammare.

L’agente infatti, dopo aver assistito ad un incidente tra due moto, aveva iniziata a filmare la scena della rissa scatenatasi tra un gruppo di ragazzi, tutti giovanissimi. Questi però, resisi conto delle possibili ripercussioni che avrebbe potuto creare quel video, hanno deciso di comune accordo di aggredire l’agente.

Stando a quanto riportato dalle testimonianze di tutti i membri del branco di Castellammare, l’appuntato Ballarò non avrebbe detto di essere un carabiniere, o quanto meno loro non lo hanno sentito. D’altro canto in alcuni video che hanno immortalato la scena si sente chiaramente l’appuntato mostrare le sue generalità, come riporta ‘la Repubblica’.

Questa la versione univoca di tutti i membri del branco data al gip del Tribunale di Torre Annunziata:

Non avevamo capito che quel ragazzo in borghese, in pantaloni e maglietta, era invece un carabiniere. Non abbiamo sentito che si qualificava come appuntato dell’Arma. C’era molto rumore in strada per il traffico e le grida. Lo abbiamo visto mentre ci riprendeva durante la rissa e lo abbiamo aggredito perché rischiavamo, con quel video, di passare un guaio.”

Inoltre i ragazzi hanno chiesto scusa al carabiniere:

“Scriveremo una lettera di scuse al Comune di Castellammare e ai carabinieri, risarciremo i danni, sia quelli subiti dal carabiniere sia quelli di immagine subiti dalla città”. 

Dunque oltre ai ragazzi già arrestati precedentemente, un quarto sarà invece giudicato al tribunale minorile ed il quinto si è costituito martedì. Per quanto riguarda il carabiniere, questo è tornato a casa in convalescenza nonostante il trauma cranico ed una brutta ferita alla testa.

Potrebbe anche interessarti