Coronavirus, report ISS: indice rt Campania pari a 0.86, la Sicilia la regione con il dato più elevato

Coronavirus – rt della Campania e nazionale. Il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità hanno riportato il monitoraggio settimanale dal 3 al 9 agosto, relativo all’epidemia di coronavirus che sta investendo l’Italia. Si nota un rialzo dei positivi rispetto alle ultime settimane, complici anche le vacanze.

Complessivamente il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da SARS-CoV-2 in Italia, sebbene non in una situazione critica, continua a mostrare segnali di attenzione: l’incidenza cumulativa (dati flusso ISS) negli ultimi 14 giorni (periodo 27/7-9/8) è stata di 7.29 per 100 000 abitanti.

A livello nazionale, si osserva nuovamente un aumento nel numero di nuovi casi diagnosticati e notificati al sistema integrato di sorveglianza coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità rispetto alla settimana di monitoraggio precedente. L’aumento è soprattutto in persone asintomatiche.

L’età mediana dei casi diagnosticati nell’ultima settimana è ormai intorno ai 40 anni; questo è in parte dovuto alle caratteristiche dei focolai che vedono un sempre minor coinvolgimento di persone anziane, in parte ad un aumento tra i casi importati e in parte all’identificazione di casi asintomatici tramite screening e ricerca dei contatti in fasce di età più basse. Questo comporta un rischio più basso nel breve periodo di un possibile sovraccarico dei servizi sanitari.

La Campania, che ha un indice di contagio (Rt) pari a 0.86, è poco sotto la soglia di 1. Per questo motivo e sopratutto per l’ingente aumento da casi provenienti dall’estero il Presidente De Luca ha deciso di firmare l’ordinanza che obbliga i residenti in Campania, al rientro dall’estero, di dichiararsi all’Asl per effettuare il tampone ed osservare un isolamento fiduciario.

Rt regionali indicati nel monitoraggio settimanale

Abruzzo 1.33

Basilicata 0

Calabria 0

Campania 0.86

Emilia Romagna 0.77

Friuli Venezia Giulia 0.32

Lazio 0.99

Liguria 1.05

Lombardia 1.13

Marche 1.02

Molise 0

PA Bolzano 0.97

PA Trento 0.78

Piemonte 1.04

Puglia 1.14

Sardegna 0.33

Sicilia 1.41

Toscana 1.28

Umbria 0.76

Valle D’Aosta 0.37

Veneto 1.2

Come si legge nel rapporto, nella settimana di monitoraggio sono stati riportati complessivamente 925 focolai attivi di cui 225 nuovi, entrambi in aumento per la seconda settimana consecutiva. Questo comporta un forte impegno dei servizi territoriali nelle attività di ricerca dei contatti che si sta dimostrando efficace nel contenere la trasmissione locale del virus come dimostrato da valori di Rt pari o inferiori a 1 nella maggior parte delle Regioni/PPAA.

Potrebbe anche interessarti