Coronavirus, l’Oms lancia l’allarme: “In Europa dati preoccupanti, che siano una sveglia per tutti”

Coronavirus – l’Oms lancia l’allarme in Europa. Il covid ha notevolmente stravolto le nostre vite e di conseguenza anche le nostre abitudini. I più attenti non si abbracciano più, non si baciano più, ci si saluta soltanto con il gomito – tra l’altro l’Oms ha consigliato di non fare neanche quello.

I casi di Covid-19 nel Mondo hanno toccato quota 30 milioni, il paese maggiormente colpito nelle ultime settimane è senza dubbio l’India, che soltanto nella giornata di ieri ha fatto registrare 94mila casi. I morti in totale hanno superato i 940 mila, con gli Stati Uniti che purtroppo guidano la classifica dei decessi, seguiti da Brasile, India, Messico e Regno Unito.

In Europa nelle ultime settimane, il paese che sta avendo più contagi è senza dubbio la Francia – ieri ha toccato i 10mila casi in un solo giorno. In Gran Bretagna il Governo è corso ai ripari mettendo in restrizioni alcune aree del paese. Anche la Spagna sta per attuare nuove misure restrittive nell’area di Madrid. Germania e Italia viaggiano quasi a pari passo a livello di contatti giornalieri.

Per questo motivo l’Oms – Organizzazione Mondiale della Sanità – ha lanciato l’allarme in Europa. “È una situazione molto grave quella che si sta verificando in Europa, dove i nuovi casi settimanali di coronavirus hanno superato quelli segnalati quando la pandemia ha colpito per la prima volta a marzo“.

Lo ha detto Hans Kluge, direttore regionale per l’Europa dell’Oms. “Oltre metà dei Paesi europei – ha sottolineato nel corso di un briefing online – hanno registrato aumenti di oltre il 10% nelle ultime due settimane e in sette Paesi l’incremento è stato pari a più del doppio“. Questi numeri, ha concluso, rappresentano un “trend allarmante” e “devono essere una sveglia per tutti“.

L’Oms tra l’altro nei scorsi giorni ha lanciato un altro allarme, riguardo un possibile boom di contagi durante il prossimo imminente autunno.

Potrebbe anche interessarti