Di Maio: “Tagliamo gli stipendi ai Parlamentari, inaccettabile guadagnare 15 mila euro con persone che soffrono per il virus”

di maio stipendi parlamentari

Continuano le proteste in tutta Italia a causa della crisi economica generata dal covid. Da Napoli a Roma, passando per Torino, i lavoratori scendono in strada per chiedere sostegno dopo le chiusure annunciate dal governo. Dopo il primo lockdown di marzo, un secondo ora sotto Natale, significherebbe mettere al lastrico intere famiglie e far chiudere numerose attività.

Il governo in questi giorni sta provando ad attuare alcune misure economiche a favore delle categorie più toccate dall’emergenza, intanto il ministro degli esteri, Luigi Di Maio, ha una proposta immediata: il taglio degli stipendi dei parlamentari.

Se chiediamo ai cittadini di fare sacrifici, allora dobbiamo essere pronti anche noi a farne. La politica in una situazione del genere, davanti a una crisi globale senza precedenti con 42 milioni di casi nel mondo dall’inizio della pandemia, deve dare un segnale chiaro alla popolazione per ristabilire un canale di fiducia con i cittadini. Riprendiamo la discussione iniziata a marzo, quando scoppiò la pandemia: tagliamo gli stipendi dei parlamentari ed eliminiamo qualsiasi tipo di privilegio della politica. Mentre ci sono persone che soffrono a causa del virus, è inaccettabile che i politici continuino a guadagnare 15mila euro al mese. Sono troppi.
Lo hanno fatto già diversi Paesi esteri e molti manager di importanti aziende. Lo faccia anche la politica italiana.
Come MoVimento 5 Stelle da anni ormai ci tagliamo lo stipendio e io personalmente ho rinunciato a oltre 300mila euro.
Davanti al virus, davanti a oltre 21mila contagi in 24 ore, davanti a 37mila morti in Italia dall’inizio della pandemia la politica deve dare il buon esempio e mettere a disposizione del Paese ulteriori risorse. E adesso ci aspettiamo un segnale rapido e concreto da parte di tutte le forze parlamentari, sia di maggioranza che di opposizione. Il MoVimento già c’è. Gli altri?”

Se chiediamo ai cittadini di fare sacrifici, allora dobbiamo essere pronti anche noi a farne.
La politica in una…

Pubblicato da Luigi Di Maio su Lunedì 26 ottobre 2020

Al di là delle proposte propagandiste dei partiti, che stanno fruttando la pandemia per ottenere consensi, il taglio degli stipendi dei parlamentari potrebbe essere una soluzione utile per far girare un po’ di economia e dare sostegno immediato a categorie a rischio fallimento.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più