Napoli, niente luci di Natale ma un monumento illuminato in ogni quartiere

Quest’anno a Napoli sarà tutto diverso, il sindaco non farà installare le tradizionali luminarie natalizie. Luigi de Magistris, però, ha deciso di illuminare un monumento o un luogo simbolo di ogni quartiere, oltre a destinare le risorse per le luminarie ad iniziative di solidarietà.

“Le risorse che tradizionalmente abbiamo sempre destinato a luminarie e ai fuochi d’artificio a Castel dell’Ovo le useremo per realizzare iniziative solidali in tutti i quartieri”. Queste le parole del primo cittadino partenopeo a Radio Crc. “Ma Napoli non si spegne mai”, specifica de Magistris: “dobbiamo dare un segnale, quindi illumineremo un bene o un luogo, un palazzo o un monumento in ogni quartiere”.

Questa decisione ovviamente è conseguenza di quanto accaduto nel 2020, che ha destabilizzato l’intera popolazione, visto la profonda crisi sanitaria, economica e sociale. Continua poi il sindaco: “Daremo messaggi di un Natale che è soprattutto solidarietà, amore, natività: valori che sono stati un po’ smarriti nel corso degli anni a causa del frenetico consumismo universale.” 

Infatti questo sarà un Natale completamente diverso dagli scorsi, unico ed estremamente particolare. Le feste natalizie saranno percepite diversamente, non sarà possibile fare tante cose. Sarà l’occasione per poter godere della piccole cose, dei momenti in famiglia ed apprezzarli come non mai.

De Magistris conclude: “È giusto che quest’anno ci sia un Natale all’insegna del calore familiare, umano, della sobrietà e dell’attenzione nell’utilizzare le poche risorse economiche a disposizione”.

Inoltre, a Napoli non ci saranno fuochi d’artificio quest’anno, nessuno spettacolo pirotecnico come quelli che siamo abituati a vedere. I soldi andranno in beneficienza, ai più bisognosi. In aggiunta, chiede ai cittadini di non spendere denaro per i botti ma spenderli per chi ne ha bisogno. Napoli infatti sta promuovendo parecchie iniziative volte aiutare il prossimo come il “giocattolo sospeso”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più