Covid, scoperta variante inglese più aggressiva: Italia blocca i voli con la Gran Bretagna

covid gran bretagnaFa paura la mutazione del virus che si sta diffondendo con velocità in alcuni paesi europei. L’Italia, come anticipato dal ministro degli esteri Luigi Di Maio è pronto a chiudere le frontiere con la Gran Bretagna. Niente voli quindi tra i due paesi dopo l’annuncio di ieri del primo ministro Boris Johnson che spiegava come il covid fosse mutato e diventato più aggressivo.

La variante scoperta in Gran Bretagna infatti ha una trasmissibilità del 70% maggiore rispetto al covid che per esempio circola in Italia (poco però si sa sulla letalità). Ciò ha spinto l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) a mettersi in contatto con le autorità inglesi e altre nazioni. E’ emerso che questa nuova variante è stata individuata anche in Danimarca e Australia, oltre che in Olanda. Intanto la Gran Bretagna ha comunicato che la situazione è ormai fuori controllo. Come dichiarato dal ministro Della Sanità britannico, Matt Hancock a Sky News:

“Abbiamo agito con decisione e molto rapidamente. Purtroppo la nuova variante è fuori controllo. Dobbiamo metterla sotto controllo”.

LA DECISIONE ITALIANA SULLA VARIANTE COVID SCOPERTA IN GRAN BRETAGNA

Come in queste ore stanno facendo alcuni stati europei, l’Italia ha deciso di bloccare i voli con la Gran Bretagna. E’ il ministro Luigi Di Maio in un post sul suo profilo Facebook ad annunciare tale decisione:

“Il Regno Unito ha lanciato l’allarme su una nuova forma di Covid che sarebbe il risultato di una mutazione del virus. Come Governo abbiamo il dovere di proteggere gli italiani, per questa ragione, dopo aver avvisato il Governo inglese, con il Ministero della Salute stiamo per firmare il provvedimento per sospendere i voli con la Gran Bretagna. La nostra priorità è tutelare l’Italia e i nostri connazionali”.

Il Regno Unito ha lanciato l’allarme su una nuova forma di Covid che sarebbe il risultato di una mutazione del…

Pubblicato da Luigi Di Maio su Domenica 20 dicembre 2020

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più