Santobono, dopo due mesi dimessa la piccola Raffaella che ballava in reparto: “Potrà riabbracciare il fratellino”

santobono raffaellaDa ottobre i suoi video hanno fatto il giro del web. Raffaella, piccola paziente ricoverata nel centro trapianti dell’Ospedale Santobono Pausillipon di Napoli, non ha mai perso la sua voglia di vivere. I suoi balli in reparto sulle note della famosissima “Jerusalema” hanno insegnato a tutti il vero valore della vita. Un’energia positiva irresistibile che ha coinvolto anche medici e infermieri.

Ora finalmente arriva una buona notizia per la piccola. Come comunicato dai profili social del Santobono, Raffaella dopo due mesi di terapie, è finalmente tornata a casa dove potrà riabbracciare la sua famiglia. Dimessa dal Centro Trapianti per la gioia di tutti i presenti.

“Ed oggi la nostra piccola, meravigliosa Raffaella, dopo due lunghissimi mesi di ricovero, è stata finalmente dimessa dal Centro Trapianti e torna a CASA SUA!!!! Raffaella ci mancherai moltissimo; ci mancherà la tua allegria, la tua energia positiva e i tuoi balletti ad ogni ora del giorno ma finalmente potrai riabbracciare il tuo fratellino ed il tuo papà che non vedono l’ora di rivederti! E non potevi non salutarci a “modo tuo” !”. 

Anche in quest’ultimo video Raffaella non si perde d’animo e balla e canta la sua canzone preferita, ‘Jerusalema’.

“Un bacio a tutti i bimbi e a tutti. Un cuore grande” – dice commossa la bimba.

Come spiegato dai sanitari:

“Raffaella ci insegna, semplicemente con il suo comportamento, che è possibile trovare la bellezza in ogni situazione e in ogni luogo, anche il più brutto. Grazie ai suoi meravigliosi genitori per aver voluto condividere questo bellissimo momento con noi e grazie al suo medico che oltre ad essere un oncologo bravissimo è un uomo speciale che sa accogliere oltre che curare”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più