Movida a Napoli, bevono in strada dopo le 18 e violano il coprifuoco: multati 16 ragazzi

Continuano i controlli nelle zone della movida, soprattutto a Napoli dove, durante il weekend, i carabinieri hanno disposto una sanzione per 16 ragazzi che hanno violato le norme anti-covid. A renderlo noto è l’Ansa.

Movida a Napoli, sanzione per 16 ragazzi

Nonostante la Campania sia rientrata ancora una volta tra le zone gialle, restano forti limitazioni alla movida e all’attività nei luoghi maggiormente esposti al rischio assembramento. Bar e ristoranti sono tenuti a chiudere i locali alle ore 18:00. Per i primi, da quella stessa ora e in assenza di cucina, vige anche il divieto di asporto e di consumazione in aree pubbliche.

Eppure, nonostante il grande senso di responsabilità mostrato dai cittadini, c’è ancora qualcuno che tenta di aggirare i divieti imposti. In particolare, lo scorso fine settimana, gli agenti del Comando provinciale di Napoli, hanno effettuato controlli a tappeto nelle zone di Piazza Santa Maria Maggiore, Piazza Bellini, zona dei Decumani e baretti di Chiaia. Proprio lì hanno sorpreso diversi giovani intenti nel consumo di bevande oltre l’orario consentito.

Di questi diversi continuavano a circolare anche oltre le 22:00, limite consentito per il coprifuoco attualmente in vigore. Le forze dell’ordine hanno agito contro le violazioni multando i 16 trasgressori.

Nelle ultime settimane non sono mancate alcune feste, seppur ancora vietate. Soltanto pochi giorni fa circa 40 giovani hanno violato le regole anti-contagio riunendosi in un locale nei pressi di via Toledo dando vita ad una vera e propria festa. Tutti studenti del Progetto Erasmus che si erano organizzati via Internet e riuniti sul luogo nonostante i divieti imposti.

Nell’isola di Ischia, precisamente nella zona di Forio, invece, due novelli sposi hanno deciso di festeggiare il loro matrimonio con un vero e proprio ricevimento. Sono stati proprio i carabinieri della stazione locale ad intervenire interrompendo i festeggiamenti e multando sia i commensali che il proprietario del ristorante.

Potrebbe anche interessarti