Covid, nuovo decreto: vietato spostarsi tra Regioni, via libera agli impianti da sci

Mondragone quarantena
Foto: Esercito Italia

Il nuovo decreto legge covid ha disposto la proroga per il blocco degli spostamenti tra Regioni ma ha dato il via libera agli impianti da sci nelle zone gialle. È quanto apprende Il Corriere della Sera da fonti governative.

Nuovo decreto: vietati spostamenti tra Regioni, sì agli sci

Già nei giorni scorsi è stata palesata la volontà di estendere il limite imposto agli spostamenti tra Regioni. Il provvedimento attualmente in vigore, infatti, sarebbe scaduto il prossimo 15 febbraio e in assenza di nuovi provvedimenti avrebbe decretato la fine di tale blocco.

Le Regioni, i Ministri Speranza e Boccia, avevano fatto leva sulla necessità di prorogare tale restrizione. L’ipotesi iniziale era quella di allungarla al 5 marzo per uniformare la scadenza dei divieti. In questi giorni, tuttavia, si è tenuto un Consiglio dei ministri ad hoc per discutere della problematica ed è stato deciso che il divieto di spostamento tra Regioni sarà in vigore fino al 25 febbraio. Dunque, una proroga di soli 10 giorni per fare in modo che il Governo nascente possa esprimersi prima della scadenza del Dpcm attualmente in vigore.

La normativa, invece, non ha contemplato l’attività degli impianti sciistici, anche questi soggetti al divieto fino al 15 febbraio. Da quella data in poi, dunque, in assenza di ulteriori provvedimenti, gli impianti sciistici potranno riaprire nelle zone gialle.

Resta valida la possibilità di spostarsi dalla propria Regione di residenza per comprovate esigenze di lavoro, salute o altre urgenze. Invariate anche le regole sulle seconde case per le quali lo spostamento è consentito soltanto per un nucleo familiare e solo se la dimora non sia già abitata da altri.

 

Potrebbe anche interessarti