Roberto Saviano: “Cutolo più potente di un primo ministro. I suoi segreti nella tomba”

roberto saviano raffaele cutoloRaffaele Cutolo è morto a 79 anni, gran parte dei quali li ha trascorsi in carcere. Responsabile di decine e decine di omicidi, dei quali non si è mai pentito, la sua storia personale si legherebbe anche ad apparati dello Stato con cui avrebbe avuto stretti rapporti. “Se parlo io cade lo Stato”, era solito affermare, ma a meno di clamorosi colpi di scena tutti quei segreti sono adesso persi per sempre.

È questo lo stesso concetto espresso da Roberto Saviano, che su Facebook scrive:

“Raffaele Cutolo fu un boss potente, più di un primo ministro, più di un ammiraglio d’azienda. Un potere che lo tenne in carcere tutta la vita e i suoi segreti – che porta in tomba con sé – non riuscirono a ricattare il potere politico che l’aveva usato. Uomo violento e disperato partorito da un un territorio violento e disperato”.

Raffaele #Cutolo fu un boss potente, piu di un primo ministro, più di un ammiraglio d’azienda. Un potere che lo tenne in…

Pubblicato da Roberto Saviano su Mercoledì 17 febbraio 2021

Potrebbe anche interessarti