Covid, in Campania mancano i vaccini: -5.571 somministrazioni effettuate

vaccino

L’Unità di Crisi della Regione Campania, come di consueto, ha diffuso il bollettino delle vaccinazioni, aggiornato al 10 maggio 2021. Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 1.567.007 cittadini (+36.252). Di questi 594.597 hanno ricevuto la seconda dose (+10.427). Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 2.161.604 (+46.679)​.

Campania, bollettino vaccinazioni del 10 maggio 2021

Nonostante l’incremento consistente, rispetto alla giornata di ieri si inizia a rilevare un lieve rallentamento, probabilmente dovuto alla carenza di vaccini e alla conseguente chiusura di due centri vaccinali. Stando all’ultimo aggiornamento, infatti, le somministrazioni effettuate in un solo giorno ammontavano a 52.250, mentre oggi scendono a 46.679 (-5.571). Il rallentamento coinvolge sia le prime dosi che i richiami.

Le somministrazioni raggiungono numeri importanti ancora una volta relativamente alle categorie dei pazienti fragili e over 60, in linea con l’obiettivo di mettere in sicurezza prima i cittadini più esposti al contagio, già raggiunto per operatori sanitari e over 80. Le somministrazioni dei fragili raggiungono quota 493.566 (+9.029 rispetto a ieri).

Gli over 70 che hanno ricevuto almeno una dose sono in totale 440.395, con un incremento di 7.896 rispetto all’ultimo aggiornamento. Gli over 60, invece, hanno raggiunto quota 472.757 vaccinazioni, +10.853 in un giorno. Procedono anche le somministrazioni per conviventi-caregiver per un totale di 85.983 cittadini vaccinati (+3.889 rispetto a ieri).

Stando al bollettino di oggi, rimane quasi stabile il numero di vaccinazioni effettuate per le restanti categorie. Si rilevano, infatti, incrementi lievi per personale scolastico, forze dell’ordine, personale non sanitario e personale esterno alle strutture sanitarie.

La capacità di somministrazione della Regione resta alta ma si inizia a risentire la carenza di dosi che hanno spinto le aziende sanitarie locali a sospendere, almeno temporaneamente, le somministrazioni all’interno dei centri Mostra d’Oltremare e Capodichino.

Potrebbe anche interessarti