Vaccini, Ema verso Sputnik e Curevac: “Presto giungeremo a una decisione”

L’Ema, Agenzia Europea per i Medicinali, ha fatto sapere che presto si pronuncerà sull’efficacia, ed eventuale messa in distribuzione, dei quattro vaccini in corso di valutazione: Sputnik, Curevac, Novavax e Sinovac.

Ema, presto decisioni sui vaccini Sputnik e Curevac

Marco Cavaleri, responsabile sulla strategia dei vaccini di Ema, nel corso di una conferenza stampa, come rende noto l’Ansa, ha dichiarato: “I dati continuano ad arrivare e presto dovremmo giungere ad una decisione”. Una buona notizia per il Presidente della Campania, Vincenzo De Luca, che più volte ha spinto le autorità sanitarie ad accelerare i tempi di verifica del vaccino prodotto dall’azienda russa.

La Campania, infatti, ha già stipulato un contratto per la fornitura di Sputnik. Non appena l’Ema e l’Aifa si pronunceranno a favore di tale vaccino l’accordo sarà concretizzato con l’arrivo in Regione di migliaia di dosi aggiuntive.

A distanza di mesi il vaccino non è stato ancora autorizzato e, al momento, continuano ad essere utilizzati gli unici quattro vaccini approvati: Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson&Johnson. Tuttavia, stando all’annuncio dell’Ema, in breve tempo la situazione potrebbe cambiare.

Oltre al candidato russo, le speranze sono riposte anche nel vaccino tedesco prodotto dall’azienda Curevac. Quest’ultimo ripropone lo stesso funzionamento di Pfizer e Moderna incorporando la tecnologia dell’RNA e non quella a vettore virale come AstraZeneca o Jhonson.

Risultati promettenti si legano anche al candidato Novavax che fornirebbe all’essere umano livelli elevati di anticorpi neutralizzanti e cellule T capaci di fungere come barriera protettiva contro il virus. Esiti contrastanti, invece, sembrano riguardare il vaccino cinese Sinovac: se il farmaco promette buoni risultati nel bloccare l’infezione nei pazienti gravi, gli stessi produttori hanno ammesso che l’efficacia risulta essere molto bassa nei casi lievi o moderati.

Potrebbe anche interessarti