Covid, vaccini a chi ha meno di 30 anni: scatta la prenotazione libera per tutti

La campagna anti-covid prosegue senza sosta e già dal 10 giugno il sistema di adesione alla somministrazione dei vaccini potrebbe inglobare anche gli under 30. Dopo aver messo in sicurezza la quasi totalità di persone fragili e anziani, il piano procederà abbandonando il criterio anagrafico, aprendo a tutti la possibilità di vaccinarsi.

Da giugno vaccini agli under 30: già pronta la circolare

Stando a quanto apprende ‘Il Corriere della Sera’, la circolare per stabilire tale cambio di rotta sarebbe già pronta e potrebbe essere diffusa il 10 giugno. Da quella data in poi anche chi ha meno di 30 anni potrà collegarsi alle piattaforme regionali per comunicare la propria adesione.

Una decisione presa dal generale Figliuolo, commissario all’emergenza covid, per accelerare la campagna vaccinale in vista dell’estate, forte dell’arrivo di nuove forniture previste. Entro la fine del mese corrente, infatti, altre 8,5 milioni di dosi arriverebbero in Italia seguite da un carico di oltre 20 milioni di fiale attese per giugno.

Altre poche settimane saranno dedicate alla messa in sicurezza delle categorie prioritarie per poi passare a ‘liberi tutti’. Sempre più giovani prenderanno parte alla campagna proseguendo il lavoro dei cosiddetti ‘open day’ che, in Campania, hanno registrato numerose adesioni. L’obiettivo del commissario è quello di raggiungere l’immunità di gregge entro il mese di settembre.

Intanto ben presto l’Ema potrebbe pronunciarsi sull’utilizzo del vaccino Pfizer per la fascia d’età che va dai 12 ai 15 anni. In più continua l’impegno delle aziende farmaceutiche per mettere a punto un vaccino che possa coprire anche la popolazione pediatrica.

Potrebbe anche interessarti