Maresca attacca Conte: “Stereotipi su Napoli, come la sceneggiata della pizza e il tour tra i vicoli”

maresca conteSi accende la campagna politica in vista delle prossime elezioni comunali a Napoli. Oggi l’ex premier Giuseppe Conte è giunto in città per appoggiare Gaetano Manfredi. Uno dei suoi sfidanti è il magistrato Catello Maresca che non ha perso occasione per lanciare qualche frecciatina ai suoi rivali, in primis all’ ‘avvocato del popolo’ Conte.

Maresca sfida Conte

Non mancano attacchi personali alla fede juventina dell’ex rettore della Federico II e alla scelta di puntare sulla ‘napoletanità’, come la tappa in una nota pizzeria della città con tanto di foto di rito:

L’iniziativa dell’avvocato Giuseppe Conte di accompagnare l’ingegnere Manfredi di Nola in giro per il centro storico di Napoli, per mostrargli le bellezze della città, è stata lodevole. Avrei risparmiato ai napoletani, in questo tour tra i vicoli, la solita sceneggiata della pizza, del mandolino e il sacrilegio di offrire la maglia di Maradona ad uno juventino sfegatato. Non oso nemmeno pensare che cosa ne farà Manfredi di quella reliquia. Trovo incredibile il luogo-comunismo e l’utilizzo di stereotipi retrivi su Napoli da parte di persone che hanno avuto responsabilità di governo. L’autonominatosi avvocato del popolo che verrà ancora a Napoli a portare per vie e piazze il “rettore del popolo” o come si vorrà definire Manfredi, parli di programmi per Napoli, del debito di Napoli, dello squilibrio finanziario, del patrimonio immobiliare gestito ad capocchiam e spesso per far scialare amici e amici degli amici.

Ecco, consiglio a Conte e a tutti i ministri e gerarchi vari del Movimento Cinque Stele (una elle), di spiegare bene a chi in questi anni li ha premiati col consenso contro la partitocrazia e il partito del tassa e spendi, questa storia del pacco per Napoli. Altro che patto per Napoli. Conte sappia che noi non consentiremo a nessuno di far fallire Napoli sotto il peso di un debito mostruoso figlio di 35 anni di gestione sinistra del comune. Napoli con noi al governo avrà un equilibrio finanziario, spenderà quello che incasserà, non torchierà con ulteriori tasse e balzelli i napoletani e pretenderà attenzione da parte del Governo e del Parlamento, dunque anche del Pd e del M5s che oggi a Napoli hanno celebrato questo legame incestuoso“.

Maresca e Manfredi secondo i sondaggi sono i favoriti a prendere il posto di Luigi de Magistris.

Potrebbe anche interessarti