Ascierto alla guida di un nuovo laboratorio: “Per monitorare il covid e le varianti”

Questa mattina, il dott. Paolo Ascierto ha inaugurato il cantiere della nuova Cittadella della Scienza nel Crom di Mercogliano, ad Avellino, con l’obiettivo di avviare un laboratorio che consenta di perfezionare gli studi sul covid. Il progetto è stato promosso proprio dal polo oncologico napoletano e finanziato dalla Fondazione Nicola Irti per le opere di carità e di cultura.

Paolo Ascierto inaugura il laboratorio al Crom: via a nuovi studi sul covid

Il dott. Ascierto, tra gli esponenti di maggior rilievo del mondo scientifico che si è distinto per il suo contributo per la lotta al covid, ha dato ufficialmente il via alla realizzazione di un nuovo laboratorio. Al suo interno saranno portate avanti ulteriori ricerche per approfondire la conoscenza del virus, delle sue varianti, del suo profilo genetico e immunitario.

Sarà proprio il Pascale di Napoli ad avere un ruolo predominante nel prosieguo della ricerca. Lo stesso Ascierto sarà a capo di un gruppo di lavoro che approfondirà gli studi sul sequenziamento e l’evoluzione del covid. L’operazione procederà di pari passo con la sperimentazione del vaccino italiano, il cosiddetto eVax che ha coinvolto nell’avvio dei test clinici anche il Pascale.

Il dott. Ascierto, come rende noto l’Ansa, sulla nascita del nuovo laboratorio, ha spiegato: “Il sequenziamento del covid permette di monitorare la sua evoluzione e la comparsa nella popolazione di varianti con diversa patogenicità e infettività. Il gruppo di ricercatori studierà nei nuovi laboratori queste sequenze che verranno depositate in database pubblici”.

“Verranno, inoltre, studiati gli effetti dell’infezione da coronavirus sul sistema immunitario. I nuovi laboratori si integreranno con i centri di ricerca già attivi guidati dai dottori Normanno, Budillon e Buonauguro dove sono già stati ottenuti importanti risultati nel campo della ricerca oncologica e sui sequenziamenti del covid” – ha concluso.

Potrebbe anche interessarti