Tocilizumab, la cura Ascierto potrebbe diventare lo standard per trattare il covid. I ricercatori europei: “Risultati sorprendenti”

tocilizumab standard In attesa dei vaccini che sono ormai alla fase 3 e pronti a essere messi sul mercato, continuano a far discutere le cure che servono ai pazienti ricoverati in Ospedale e affetti da polmonite covid. Nei mesi scorsi alcuni studi avevano messo in dubbio l’efficacia del tocilizumab tanto è vero che l’Aifa lo aveva bocciato. Il farmaco anti artrite però era stato sperimentato dal Dott. Paolo Ascierto che ne rivendicava l’efficacia soprattutto nei pazienti in sub-intensiva con studi che mostravano una riduzione della mortalità.

Ora sono i ricercatori dell’Imperial College of London e dell’Università di Utrecht a dare ragione al medico napoletano. Sono stati infatti pubblicati i risultati delle sperimentazioni cliniche fatte sul farmaco che hanno dato ‘risultati sorprendenti’. Come scrive sulla pagina Facebook, il dott. Paolo Ascierto:

“Arrivano ancora buone notizie, questa volta da Regno Unito e Olanda, sul trattamento delle complicanze polmonari da COVID-19 con il tocilizumab. I colleghi ricercatori dell’Imperial College of London e dell’Università di Utrecht sostengono che i risultati ottenuti nelle sperimentazioni cliniche fatte fino a questo momento siano sorprendenti in termini di sopravvivenza dei pazienti. Lo studio, concluso due giorni fa, è stato svolto su pazienti in gravi condizioni e ha portato i ricercatori a pensare che effettivamente tocilizumab potrebbe presto diventare lo standard di cura per la polmonite da coronavirus. Non possiamo che fare un grande in bocca al lupo ai colleghi, grazie!” .

Arrivano ancora buone notizie, questa volta da Regno Unito e Olanda, sul trattamento delle complicanze polmonari da…

Pubblicato da Dott. Paolo Antonio Ascierto – Oncologo e ricercatore italiano su Venerdì 20 novembre 2020

E la stessa BBC a riportare la notizia:

“Le prove del farmaco sono state interrotte due giorni fa quando i monitor indipendenti hanno affermato che c’erano prove sufficienti, dai primi 303 pazienti, per dimostrare che funzionava. I medici sanno che il farmaco sta facendo qualcosa, ma ci vorrà del tempo per sapere se sta salvando vite umane o semplicemente accelerando il recupero. “Non lo sappiamo ancora, speriamo che faccia entrambe le cose”, ha detto il prof. Anthony Gordon dell’Imperial. Tuttavia, ha detto che è stato “molto incoraggiante”, un “grande risultato”, e che tocilizumab potrebbe “diventare lo standard di cura”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più