La cucina napoletana diventa il simbolo del “Made in Italy” nel mondo

campania

La cucina era una stanzetta piena di profumi indimenticabili, dove si cucinavano: il sartù di riso, i maccheroni al forno con le uova sode e le polpette e le melanzane, la frittata di spaghetti con le olive nere, i peperoni imbottiti, la testa di capretto al forno con pangrattato, capperi e olivelle, la scarola imbottita, il pesce arrosto bagnato con l’aceto, le alici al gratin o in tortiera all’origano o bollite con aglio olio e limone e servite fredde, i polpi alla Luciana, la parmigiana di melanzane, la scapece di zucchini, il fiore di zucca fritto, i “panzarotti”, la pasta coi broccoli verdi; e poi la pastiera, il croccante, gli struffoli di Natale…”. E’ quanto racconta lo scrittore Raffaele La Capria nell’ “Armonia perduta”, la sua opera in cui offre uno spaccato della tradizione culinaria partenopea.

Sono molti i piatti tipici, oltre alla pizza, della cucina napoletana che ormai sono diventati il simbolo del “Made in Italy” nel mondo. Il sito Agrodolce dedica un articolo ai 20 piatti più conosciuti della cucina campana rinomata soprattutto per la genuinità dei suoi ingredienti e per il merito di aver diffuso la “Dieta Mediterranea”, con l’impiego di prodotti come i pomodori, l’olio di oliva, le verdure e la pasta. Inoltre rappresenta la grande virtù dei suoi abitanti nell’aver trasformato ingredienti considerati poveri in pietanze pregiate ed eccellenti.

I 20 piatti più rappresentativi della Campania scelti da Agrodolce sono: la Pizza di scarole, i semplici ma sempre prelibati spaghetti al pomodoro, la gustosa frittura di alici, la parmigiana di melanzane passata ormai a rappresentare tutta la cucina italiana, la frittata di maccheroni, l’impepata di cozze, la genovese, il migliaccio, la pastiera, il casatiello, la minestra maritata, pasta e fagioli con le cozze, mozzarella in carrozza, l’insalata di rinforzo, i friarielli in padella, il babà, la sfogliatella, la pizza napoletana, zeppole e panzarotti ed infine il re della domenica campana, il ragù.

ragù
Gli ziti col ragù, protagonisti della domenica campana

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più