“Vietate attività che producono odori molesti”: l’ordinanza di Grumo Nevano che fa discutere

Ordinanza Vietato svolgere attività che producono emissioni odorigene moleste e che determinano la diffusione di odori sgradevoli nel centro abitato” così recita la singolare ordinanza del comune di Grumo Nevano.

Questa insolita ordinanza, che ha molto fatto discutere, è stata una consequenziale azione decisionale del sindaco Gaetano di Bernardo. Infatti, il primo cittadino è stato sommerso da numerose lamentele e segnalazioni da parte dei cittadini, stanchi dell’inquinamento olfattivo che interessa Grumo Nevano.

Grumo Nevano, l’ordinanza che fa discutere

Come riportato nella sopra citata scrittura, questa decisione pare essere stata costretta dalla diffusione nel centro città di “Sgradevoli odori prodotti anche, ma non esclusivamente, dalle preparazioni per la conservazione o la cottura di cibi, sotto forma di vapori nauseanti in aree densamente abitate“.

Come reso noto dal sindaco, la giurisprudenza prevede per situazioni di tal tipo l’adozione di accorgimenti tecnici tesi a scongiurare il diffondersi di odori fastidiosi e indica la possibilità di poter procedere con sanzioni in caso di superamento della stretta tollerabilità. Proprio per questo l’ordinanza comunale ha ufficializzato anche la previsione di sanzioni pecuniarie per tutti i trasgressori. 

Potrebbe anche interessarti