Rai, Fuortes: “Non danneggerò ‘Un posto al Sole’ né il centro di Napoli che va valorizzato”

Sull’ipotesi del cambio orario per Un posto al Sole è intervenuto l’amministratore delegato della Rai, Carlo Fuortes, rassicurando i telespettatori sul futuro della soap e, più in generale, del centro di produzione di Napoli.

Un posto al sole, Fuortes: “Nessun danno alla soap e al centro di Napoli”

Ormai da giorni circola l’indiscrezione relativa allo spostamento di fascia oraria della celebre serie, prodotta e ambientata a Napoli, per fare spazio ad un nuovo programma di informazione politica condotto da Lucia Annunziata.

Una questione che ha suscitato il disaccordo dei fan oltre che del cast. Lo stesso Gianni Minoli, tra gli ideatori della soap, ha definito tale decisione ‘un suicidio’ definendo la Annunziata ‘la padrona assoluta della rete’. Non è tardata la risposta di quest’ultima che ha dichiarato: “C’è uno studio in corso. Se trovano una soluzione, io sono napoletana ci tengo alla soap”.

Il Cda della Rai, intanto, ha confermato il palinsesto televisivo e Carlo Fuortes, in un’intervista rilasciata a ‘La Repubblica’ ha sottolineato l’interesse a tutelare la soap nonostante sia in cantiere il progetto di avviare una nuova trasmissione.

Queste le sue parole: “La striscia informativa è un progetto al quale tengo molto. Sia la fascia oraria che la rete sono in fase di studio ma non ho intenzione di danneggiare o ridimensionare Un posto al Sole né il centro (di produzione, ndr) di Napoli che anzi va valorizzato”.

Dunque, al momento, i fan della soap potranno tirare un sospiro di sollievo così come l’intera città partenopea che continua a collezionare successi in TV. Basti pensare ai livelli di share raggiunti dalle serie ambientate a Napoli come accaduto per la terza stagione de I Bastardi di Pizzofalcone.

Potrebbe anche interessarti