Napoli, stretta alla movida: verso chiusure anticipate e musica a basso volume

Tra i temi prioritari della nuova amministrazione comunale di Napoli c’è quello della movida incontrollata che ha convinto la giunta Manfredi a valutare nuovi provvedimenti compreso quello di limitare il volume della musica da mezzanotte in poi nei luoghi del centro cittadino.

Napoli, stretta alla movida: musica a volume basso da mezzanotte

Come già anticipato dall’assessore alla Polizia Municipale e alla Legalità, Antonio De Iesu, e confermato dal sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, sarà introdotto un nuovo sistema di regole per frenare i comportamenti irresponsabili non solo dei giovani ma anche degli esercenti che non rispettano le regole.

Stando alle prime indiscrezioni, fornite da ‘La Repubblica’, l’idea è quella di decretare la chiusura dei locali alle 2:00 nel weekend anticipandola all’1:00 nei restanti giorni della settimana, probabilmente lasciando una mezz’ora di tolleranza. La novità riguarda soprattutto la possibilità di imporre l’abbassamento dei decibel da mezzanotte in poi per locali e artisti di strada. L’ordinanza allo studio dell’amministrazione potrebbe entrare in vigore già da dicembre.

Intanto il primo cittadino ha già annunciato l’arrivo di un provvedimento per contingentare l’accesso ai Decumani in modo da limitare gli assembramenti frequenti in vista del periodo natalizio. L’ordinanza sarà firmata nei prossimi giorni regolando l’accesso alle zone più affollate probabilmente disponendo un unico senso pedonale da via San Biagio dei Librai verso via San Gregorio Armeno.

Potrebbe anche interessarti